Cornus mas (Corniolo)

 Descrizione

Piccolo albero, originario dell´Europa del sud, generalmente di altezza compresa tra i 2 e i 6 metri, presenta un fusto dalla corteccia grigio-giallastra, che nelle parti più vecchie, tende a sfaldarsi. Le foglie ovato-ellittiche, sono opposte, appuntite e lunghe fino a 10 cm. I piccoli fiori gialli, che compaiono prima delle foglie, sbocciano in febbraio-marzo. Ad essi seguono i frutti; delle drupe color rosso vivo, simili per forma e dimensione alle olive. Il frutto denominato corniola, giunge a maturazione in luglio-agosto, assumendo una colorazione della buccia, più scura.

La polpa, (molto apprezzata dalla fauna selvatica), è commestibile, leggermente aspra, liquescente, ricca di vitamina C e acidi organici. L´utilizzo dei frutti del corniolo è molto ampio e si va dal consumo fresco, alla preparazione di marmellate, salse, liquori e gelatine. Un tempo, quasi tutte le parti della pianta erano utilizzate per curare svariate patologie. Anche il legno di corniolo, grazie alla sua durezza, un tempo era molto utilizzato nella preparazione di svariati manufatti, mentre ora viene quasi esclusivamente utilizzato per la fabbricazione di pipe.

Coltivazione

Pianta molto rustica, presente anche allo stato selvatico, in zone collinari o montane dell´Italia settentrionale, predilige terreni soffici, a medio-alta granulometria, poco umidi, calcarei. Gradisce sia il pieno sole sia la mezz´ombra e sopporta molto bene sia il caldo sia il freddo. Gli esemplari adulti già a dimora da tempo, non necessitano di essere annaffiati.

Viceversa gli esemplari giovani, nell´anno nel quale sono posti a dimora, necessitano di annaffiature settimanali per il periodo che va da marzo a settembre. Come altre piante da frutto, rustiche, anche il corniolo, necessita di essere concimato, sul finire dell´inverno, con letame maturo o concime a lenta cessione.

 

 

Caratteristiche in breve
Famiglia:
Cornaceae
Fiori:
Piccoli e gialli
Dimensioni:
Irrigazione:
Solo nel primo anno della messa a dimora
Concimazione:
Letame maturo o concime a lenta cessione a fine inverno
Foglie:
Ovato-ellittiche, opposte, appuntite
Esposizione:
Pieno sole o mezz´ombra
Temperature:
Sopporta sia il caldo sia il freddo
Terreno:
Soffici, calcarei, a medio-alta granulometria (anche sassosi)
Potatura:
Curiosità:
Il legno di corniolo è tuttora impiegato per la fabbricazione di pregiate pipe
Schede Correlate

Lycium barbarum

 Descrizione Il Lycium barbarum, più conosciuto per il nome commerciale dei suoi frutti, vale a dire Goji, è un arbusto molto vigoroso, appartenente alla famiglia delle Solanaceae. Coltivato in gran […]

Ribes rubrum

 Descrizione Appartenente alla famiglia delle Grossulariaceae, il ribes rosso è un arbusto perenne, coltivato per i suoi frutti, destinati sopratutto al consumo come frutto fresco ma anche per la preparazione […]

Vaccinium corymbosum

 Descrizione Appartenente alla famiglia delle Ericaceae, il Vaccinium corymbosum deriva dal mirtillo che tutti conosciamo come un piccolo arbusto sempreverde, presente allo stato spontaneo in gran parte d´Italia, dove popola […]