Fragaria (Fragola)

 Descrizione

Genere appartenente alla famiglia delle Rosaceae, è universalmente conosciuto per il frutto che produce, appunto la fragola.

Le due specie più conosciute sono la Fragaria x ananassa e la Fragaria vesca; la prima praticamente poco nota con il nome botanico, non è altro che la classica fragola che tutti conosciamo, mentre la seconda è la fragola di bosco, più piccola della prima ma altrettanto gustosa.

La Fragaria x ananassa è una pianta perenne stolonifera con foglie trifogliate e seghettate alta tra i 10 e i 30 cm, che sviluppa diametri di 20-30 cm; i fiori, bianchi compaiono in primavera e crescono su fusti privi di foglie.

Ai fiori succedono i frutti, che maturano a partire da maggio per le varietà precoci, sino a settembre per le varietà tardive. In commercio esistono anche cultivar rifiorenti.

  Coltivazione della fragola

Adatte ad essere coltivate sia al livello del mare sia in zone collinari fino a 1.000 metri, le fragole gradiscono un terreno fertile e fresco mentre non sopportano quello calcareo e/o alcalino. In pieno sole o in mezz´ombra, non patiscono assolutamente il freddo dell´inverno, ma piuttosto le gelate tardive che potrebbero compromettere irrimediabilmente la fioritura.

Le piantine di fragola vanno messe a dimora distanziate a 30 cm una dall´altra, vangando profondamente il terreno e disinfettandolo, in modo da eliminare le larve terricole che si ciberebbero delle radici. Durante la messa a dimora le fragole traggono un benefico nutrimento interrando del letame maturo sul fondo. Durante il corso della vita ogni singola piante emette un gran numero di stoloni che danno origine a nuove piantine e nonostante siano perenni è bene rinnovare l´impianto ogni 3-5 anni, per garantire una buona produttività.

Foto Gallery
Fragaria californica
Fragaria x ananassa - Aardbei
Fragaria x ananassa
Wild Strawberry - Fragaria vesca
Fragaria vesca
Caratteristiche in breve
Famiglia:
Rosaceae
Fiori:
Bianchi e primaverili
Dimensioni:
10-30 cm di altezza
Irrigazione:
Moderata
Concimazione:
Letame maturo
Foglie:
Trifogliate e seghettate
Esposizione:
Pieno sole o mezz'ombra
Temperature:
Molto sensibile alle gelate tardive
Terreno:
Fertile e fresco
Potatura:
Curiosità:
Schede Correlate

Diospyros kaki

 Descrizione Originario della Cina e del Giappone, il Diospyros kaki è una pianta relativamente nuova per l´Europa, dato che è stata introdotta e coltivata solo a partire dal 19° secolo. […]

Corylus avellana

 Descrizione Albero da frutto abbastanza diffuso anche allo stato selvatico, viene coltivato sopratutto per i i suoi frutti: le nocciole. Appartenente alla famiglia delle Betulaceae e al genere Corylus, può essere […]

Citrus mitis

 Descrizione Agrume originario del Sud-Est asiatico, il Citrus mitis è un ibrido tra il mandarino e il kumquat ed appartiene alla famiglia delle Rutaceae. Albero che può raggiungere i 4-5 […]