Corylus

 Descrizione

Albero di buone dimensioni, dalla forma piramidale, che può raggiungere facilmente i 12-15 mt di altezza. La corteccia è grigia e i fiori sono amenti penduli (come il nocciolo) gialli in febbraio. Seguono nocciole autunnali, buone ma difficili da estrarre.

 Specie e varietà di Corylus

Numerose varietà di Corylus avellana (Nocciolo comune),
Corylus colurna, con un robusto tronco che presenta una corteccia rugosa color grigio pallido e foglie caduche, tomentose e grossolanamente seghettate; la chioma è espansa e raggiunge i 6-8 metri di diametro.
Corylus ferox, presenta una corteccia fessurata di color grigio scuro ed originario delle catene montuose cinesi, dove riesce a vegetare anche oltre i 3.000 metri di quota.
Corylus maxima, simile al Corylus avellana, presenta foglie più grandi ed è generalmente più robusto. Di questa specie ricordiamo la cultivar Corylus maxima ´Purpurea´, dalle caratteristiche foglie di color porpora scuro.

Coltivazione

Ottimo rappresentante del genere Corylus è il Nocciolo di Bisanzio; un albero di facile coltivazione e di poche pretese: terreno fertile, pieno sole e acqua se occorre in piena estate. Per mantenere la forma classica piramidale è bene effettuare periodicamente negli anni delle potature di contenimento, da far eseguire da personale esperto dotato di attrezzatura per salire in sicurezza sugli alberi.

Foto Gallery
Gemeine Hasel (Corylus avellana)
Amenti penduli di Corylus avellana
corylus avellana ´contorta´
Corylus avellana ´Contorta´
Turkish Hazel
Corylus colurna
[Corylaceae] Corylus ferox
Corylus ferox
Corylus maxima purpurea
Corylus maxima ´Purpurea´
Caratteristiche in breve
Famiglia:
Betulaceae
Fiori:
Amenti pendul
Dimensioni:
Fino a 10-12 mt di altezza gli esemplari più vetusti
Irrigazione:
Non necessaria, ma evitare periodi siccitosi troppo prolungati
Concimazione:
In primavera con concime organico per piante giovani
Foglie:
Ovali, verde scuro
Esposizione:
Sole o mezz'ombra
Temperature:
Fino a -20 °C
Terreno:
Fertili o poveri, molto ben drenati, anche sassosi
Potatura:
Non necessaria, esclusivamente per eliminare rami rotti o danneggiati
Curiosità:
Schede Correlate

Cinnamomum

 Descrizione Genere di oltre 300 specie di alberi sempreverdi e aromatici, originari delle zone tropicali e subtropicali del pianeta, è reperibile nei vivai italiani del sud con una sola specie, […]

Acer campestre

 Descrizione Conosciuto anche con il nome di acero oppio, loppio, chioppo, testuccio, è originario dell’Europa (compresa la Gran Bretagna) e del Caucaso: spontaneo in tutta Italia (tranne in alta montagna […]

Tilia

 Descrizione Alberi caduchi dagli innegabili pregi di rusticità e rapidità di accrescimento, si accomunano per le foglie cuoriformi (cordate); la fioritura primaverile molto profumata, costituita da piccole infiorescenze bianche o […]