Aralia

 Descrizione

Le Aralia, si riconoscono facilmente dagli altri arbusti per le enormi foglie composte verde scuro, lunghe anche più di 1 metro che virano in calde tonalità in autunno.

In estate producono fiori bianchi poco visibili. Alla specie appartengono alcune varietà variegate giallo o bianco.

La forma è eretta e si apre in una chioma più ampia.

Le aralie meriterebbero più attenzione per l’aspetto estetico particolare.

 Principali specie di Aralia

Aralia elata e Aralia racemosa, dal portamento eretto, che con il passare degli anni assumono la conformazione di albero, perdendo la caratteristica giovanile di arbusto.
Aralia cordata, con grandi ombrelle di fiori bianchi del diametro di 30-40 cm, che fioriscono a fine estate. I rami giovani di questa specie sono impiegati nella cucina tipica giapponese e pare abbiano un sapore simile al limone.
Aralia spinosa, simile alla Aralia elata si differenzia sopratutto per la presenza di spine. Produce un gran numero di fiori bianchi in estate, ai quali seguono in autunno, ornamentali bacche violacee, molto gradite agli uccelli selvatici.

 Coltivazione Aralia

Sono piante rustiche che si adattano a molti tipi di terreno, meglio non calcarei e troppo umidi.

Foto Gallery
Aralia elata

Aralia elata

Aralia racemosa (fall fruit)

Aralia racemosa

Aralia cordata

Aralia cordata

Aralia spinosa [tentative identification] at Bowman´s Hill Wildflower Preserve, New Hope, PA. Infloration.

Aralia spinosa

Caratteristiche in breve
Famiglia:
Araliaceae
Fiori:
Infiorescenze molto ramificate, colore bianco-crema
Dimensioni:
Da 100-120 cm fino a 2-3 mt
Irrigazione:
Irrigare periodicamente senza creare ristagni
Concimazione:
Primavera e autunno con concime organico, integrare nel periodo caldo con poco concime minerale
Foglie:
Grandi e composte, di forma palmato-lobata, verde scuro
Esposizione:
Ombra o mezz'ombra
Temperature:
Evitare il freddo eccessivo, rimanere oltre i 3-4 °C
Terreno:
Fertile e ben drenato
Potatura:
Non necessaria
Curiosità:
Pianta adatta alla vita in appartamento
Schede Correlate

Chimonanthus praecox

 Descrizione Conosciuto in italiano come “calicanto d’inverno”, introdotto in coltivazione nel 1766, è un grande arbusto spogliante, alto fino a 4 metri e con portamento allargato, caratterizzato dalla precoce, abbondante, […]

Kolkwitzia

 Descrizione Arbusto caduco vigoroso, eretto e ricadente sulle cime, anche le più sottili. In primavera o all’inizio dell’estate produce una miriade di piccoli fiori campanulati rosa, simili alle digitalis. Le […]

Ceratostigma

 Descrizione L’unica specie ornamentale utilizzata è il Ceratostigma willmottianum, una plumbaginacea bassa e compatta dalla forma globosa. I fiori sono piccoli e tubulari, blu azzurri o blu intenso (dipende anche […]