Arbutus (Corbezzolo)

 Descrizione

Gli Arbutus, conosciuti anche con il nome di corbezzoli, si presentano generalmente come grandi arbusti sempreverdi che possono raggiunger i 5-6 metri di altezza e in rari casi fino a 10 metri. Sono tipici della macchia mediterranea e si riconoscono facilmente dagli altri arbusti per le foglie lanceolate, lievemente dentate, color verde intenso e lucide.

I fiori piccoli e a forma di campanella sono bianchi e appaiono contemporaneamente ai frutti. Questi sono sferici, rugosi, rossi e soprattutto commestibili (ma è consigliato non abusarne).

I corbezzoli sono quindi arbusti estremamente interessanti e decorativi sia per il fogliame sia per i frutti penduli. Inoltre la corteccia si squama a fine primavera scoprendo un legno color rosso cannella.

  Principali specie e varietà di Corbezzolo

A. andrachne, conosciuto anche con il nome comune di corbezzolo greco.
A. x andrachnoides (Corbezzolo di Cipro), che può raggiungere i 7-8 metri di altezza.
A. unedo e varietà, come ad esempio A. unedo f. rubra, sempreverde dalla crescita lenta, corteccia ruvida di color cannella, foglie coriacee, lucide, di color verde e fiori color rosso-rosati.

  Coltivazione del Corbezzolo

I corbezzoli amano il sole e terreni molto ben drenati, anche sabbiosi e rocciosi e mal sopportano i terreni calcarei.

Tutte le specie desiderano il caldo con minime invernali non inferiori a 7° C e per gli impianti in luoghi molto ventosi si consiglia l’utilizzo di pali tutori per la messa a dimora.

Si tratta comunque di piante abbastanza rustiche che possono essere impiegate in zone collinari del nord Italia non nei fondovalle.

Meglio non ricorrere alla potatura e solo per eliminare rami vecchi e danneggiati. Se ne consiglia la piantagione in autunno.

Foto Gallery

Arbutus unedo

Caratteristiche in breve
Famiglia:
Ericaceae
Fiori:
Bianchi, piccoli e campanulati
Dimensioni:
Irrigazione:
Solo quando necessario e nel periodo estivo
Concimazione:
Primavera e autunno con concime organico
Foglie:
Verde intenso, lucide e lanceolate
Esposizione:
Sole e riparata dai venti freddi
Temperature:
Mai inferiore ai 7 °C
Terreno:
Assolutamente non calcareo
Potatura:
Solo per eliminare rami rotti o danneggiati
Curiosità:
I suoi fiori sono il simbolo dell´ospitalità
Schede Correlate

Laurus

 Descrizione C’è un po’ di confusione tra gli appassionati ma proviamo a mettere ordine. I Laurus non sono da confondere con i Prunus Laurucerasus ovvero il Lauroceraso da siepe. La […]

Physocarpus

 Descrizione Arbusti dal portamento eretto e abbastanza compatto, che da maturi possono diventare globosi. Le foglie sono simili a quelle del ribes: caduche, ovali, trilobate. In Physocarpus opolifolius ´Diabolo´, le […]

Acer

 Descrizione Genere vastissimo che comprende numerosi alberi ma anche forme più compatte e arbustive di cui ci occupiamo. A questo gruppo fanno parte tutte le specie di derivazione di origine […]