Callicarpa

 Descrizione

Arbusti decidui con fogliame lanceolato che in primavera si presentano bronzate ma con l’incalzare della stagione virano al verde chiaro. Hanno un portamento eretto o globoso, se potati s’infittiscono, altrimenti hanno un aspetto più “morbido” e flessuoso.

I fiori che producono d’estate sono piccoli e poco appariscenti di color lilla. Successivamente diventano bacche violacee simili a perle lucide, senz’altro più vistose dei fiori. Una vera attrazione in autunno, quando raggiungono la massima intensità di colorazione.

L’altezza massima è di 2,50 metri e l’origine è orientale (Cina).

 Principali specie di Callicarpa

Callicarpa americana, un arbusto deciduo con altezza massima di circa 2 metri, presenta foglie verdi, lievemente tomentose sulla pagina inferiore; i fiori primaverili, sono riuniti in piccoli grappoli e sono di color lilla e lucidi.
Callicarpa bodinieri (foto), originaria della Cina, è coltivata nei giardini per le splendide bacche lilla-viola, non velenose, ma dal sapore talmente amaro, che gli animali selvatici se ne cibano solamente nel caso non trovino nient´altro di meglio da mangiare.
Callicarpa dichotoma, con foglie opposte di color verde chiaro, lievemente tomentose sulla pagina inferiore, graziosi fiorellini estivi e bacche autunnali riunite in grappoli, di color porpora brillante.
Callicarpa japonica, con foglie ellittiche, opposte e con margini finemente seghettati, presenta fiori non particolarmente interessanti e bacche rosa-lilla autunnali.

 Coltivazione della Callicarpa

Ogni terreno va bene per le Callicarpa; sono piante molto rustiche, anche se “distrattamente” dimenticate, dimostrano di potersela sempre cavare, perfino quando la dimenticanza è dell’elemento più necessario: l’acqua. Piuttosto afflosciano fino a perdere completamente le foglie come ultima difesa, ma poi se le condizioni tornano favorevoli riescono magicamente a rivegetare.

Ricordiamo di piantarne alcuni esemplari perché la fecondazione incrociata aiuta senz’altro nella fecondazione e quindi successiva produzione delle bacche ornamentali. Si adattano bene anche alla vita in vaso, per terrazze e balconi.

 

Callicarpa bodinieri

Bacche violacee a profusione per questo arbusto facile da coltivare in tutti i tipi di terreni ed esposizioni. I rami con le bacche sono ottimi per farne composizioni da portare in casa.

 

 

Caratteristiche in breve
Famiglia:
Lamiaceae
Fiori:
Piccoli, poco appariscenti, riuniti in grappoli, lilla
Dimensioni:
Irrigazione:
Non necessaria, ma evitare periodi siccitosi troppo prolungati
Concimazione:
Primavera e autunno con concime organico
Foglie:
Lanceolate e bronzee nel periodo autunnale
Esposizione:
Sole o mezz´ombra
Temperature:
Fino a -20 °C
Terreno:
Fertile, di medio impasto, ben drenato
Potatura:
Solo per eliminare rami rotti o danneggiati
Curiosità:
Schede Correlate

Abelia x grandiflora

 Descrizione Ibrido rustico, dal portamento espanso, presenta rami (rossastri) leggermente ricadenti, foglie ovate, leggermente appuntite di color verde brillante. Fiorisce da giugno ad ottobre con una moltitudine di piccoli fiori […]

Hibiscus

Ampio genere che comprende perlopiù arbusti caduchi (o sempreverdi) dalla fioritura vistosa, esuberante e dall’aspetto “esotico”. I colori sono vivaci, dal bianco al porpora scuro (comprese molte sfumature di blu […]

Gardenia

 Descrizione Genere di arbusti sempreverdi a lento accrescimento di cui sono reperibili poche specie nei vivai, ma tutte di indubbio fascino retrò. I fiori bianchi, grandi e profumatissimi, semplici ma […]