Camellia (Camelia)

 Descrizione

Ecco uno dei generi che ha partorito più varietà al mondo, tante da essere difficile classificarle tutte. Quelle ornamentali vengono comunemente suddivise in base alla specie di origine, ovvero Camellia japonica (foto) e Camellia sasanqua. Quindi una ulteriore suddivisione viene fatta sulla base della forma del fiore: semplice, semidoppio, doppio (regolare e irregolare), di rosa, di peonia, d’anemone.

Si tratta di arbusti o alberelli sempreverdi orientali (area temprata dell’Asia) facilmente riconoscibili dalle foglie sempre belle lucide, coriacee, lanceolate o affusolate (talvolta ondulate) o ovali, piccole o medie a seconda della varietà, ma quasi sempre verde scuro.

La parte più interessante però sono i fiori, un vero spettacolo della natura, sempre molto elegante. I colori vanno dal bianco puro al rosso più scuro, passando da tutte le sfumature di rosa, anche con variegature tra i colori.

Anche le dimensioni variano in base alle varietà, da piccoli e semplici a grandi, quasi sempre a coppa aperta o semichiusa. Generalmente le varietà di Camellia japonica fioriscono da aprile a fine maggio, mentre quelle di Camellia sasanqua danno il loro show in pieno inverno a partire da novembre e fino a tutto febbraio-marzo.

 Tra le varie specie di Camelie ricordiamo anche

Camellia reticulata, con fiori con colori dal rosa al porpora.
Camellia sinensis, la famosa pianta dalle quali foglie traggono origine tutti i tipi di tè.

 Coltivazione delle Camelie

Bisogna distinguere la resistenza delle varietà di Camellia japonica da quelle di Camellia sasanqua.

Le prime sono generalmente più delicate perché vogliono terra acida ed esposizioni riparate da case, palizzate, siepi o muri, quindi in mezz’ombra (che protegge anche dal sole troppo pignolo dell’estate).

Le seconde si adattano meglio al substrato (anche se è meglio non oltrepassare il pH di 6,5) e senz’altro all’esposizione che può essere in pieno sole, provvedendo in piena estate ad irrigare con regolarità.

Ambedue però sopportano malamente il freddo intenso dell’inverno e non è raccomandabile coltivarle nei fondovalle alpini senza una protezione adeguata. Anche le gelate tardive rappresentano un ostacolo perché nelle varietà troppo precoci i boccioli vengono irrimediabilmente danneggiati.

Irrigare con acqua non calcarea che anzi dovrebbe decantare per qualche giorno se fosse di acquedotto. Concimare almeno due o tre volte all’anno, sicuramente in autunno e primavera con concime organico.

Solitamente sono piante che non vanno potate a cui si ricorre solo per eliminare rami secchi o danneggiati, o per ringiovanire esemplari ormai vecchi e scomposti. Attenzione alla neve, scrollare le piante dopo ogni nevicata abbondante.

Foto Gallery
Camellia Japonica Flowers (P1060885)

Camellia Japonica

Camellia japonica

Camellia japonica

Camellia sasanqua ´Asakura´

Camellia sasanqua ´Asakura´

Camellia sasanqua ´Asakura´

Camellia sasanqua ´Asakura´

C.Reticulata - "Dr Cliford Parks"

Camellia reticulata ´Dr Cliford Parks´

Camellia sinensis, Théier, pekoe + 2 feuilles

Foglie di Camellia sinensis

Caratteristiche in breve
Famiglia:
Theaceae
Fiori:
Forme, dimensioni e colori sono tantissimi e variabili in base alle varietà. Tutti molto belli e dotati di particolare fascino
Dimensioni:
Fino a 6-7 mt di altezza gli esemplari più vetusti
Irrigazione:
Mantenere il suolo fresco o umido ma senza ristagni
Concimazione:
Primavera e autunno con concime organico. Solfato di ferro all'occorrenza
Foglie:
Lucide, coriacee, lanceolate o affusolate (talvolta ondulate) o ovali, piccole o medie a seconda della varietà, verde scuro
Esposizione:
Sole o mezz'ombra, al riparo dai freddi venti del Nord
Temperature:
Fresco in estate e non troppo freddo d'inverno
Terreno:
Fertile, di medio impasto, ben drenato con PH acido
Potatura:
Solo per eliminare rami rotti o danneggiati
Curiosità:
Dalla lavorazione delle foglie della Camellia sinensis si ricavano tutti i vari tipi di tè
Schede Correlate

Syringa x laciniata

 Descrizione Ibrido tra Syringa protolaciniata e Syringa vulgaris, è un delizioso arbusto spogliante di taglia media (alto e largo intorno ai 2 metri) e, per il portamento aggraziato e l’abbondante e profumatissima fioritura […]

Lantana camara

 Descrizione Originaria delle zone tropicali americane, a seconda delle varietà va dai 40 cm ai 2 metri di altezza, con diametro dal mezzo metro al metro e mezzo. Le foglie […]

Genista

 Descrizione Genere di arbusti che comprende alcune specie prostrate e altre decisamente più assurgenti, fino ad arrivare ad altezze massime di 4-6 mt, per gli esemplari selvatici della macchia mediterranea: […]