Lavandula stoechas (Lavanda selvatica)

 Descrizione

Molto diffusa nel bacino del Mediterraneo, la lavanda selvatica è un arbusto sempreverde, che raggiunge i 60-80 di altezza per altrettanti di diametro. Presenta foglie grigio-verdi, lineari o lineari-lanceolate, lunghe 1-3 cm e larghe pochi millimetri. I fiori, di color porpora, compaiono in primavera ed estate; sono riuniti in spighe lunghe dai 2,5 ai 5 cm, sulla sommità di steli che si ergono al di sopra delle foglie.

Coltivazione

Pianta abbastanza rustica vegeta sia in pieno sole sia in mezz´ombra, in terreni ben drenati e leggermente acidi. Essendo una pianta che cresce allo stato spontaneo lungo le coste, non teme la salsedine. A differenza delle altre lavande, la Lavandula stoechas teme il freddo e le gelate, quindi se coltivata in vaso, con i primi freddi, andrà ricoverata in ambiente riparato. Se coltivata all´esterno la si dovrà proteggere con una abbondante pacciamatura.

Il periodo migliore per metterla a dimora è dall´autunno fino all´inizio della primavera. Al termine della fioritura, andranno eliminati gli steli sfioriti e a fine inverno i rami rotti o danneggiati dalla neve. Per quelle che invece sono cresciute disordinate o per dare una forma più compatta, si potrà cimare la vegetazione di almeno la metà o di 2/3.

Irrigare moderatamente ed evitare assolutamente, ristagni idrici.

 

Caratteristiche in breve
Famiglia:
Lamiaceae
Fiori:
riuniti in spighe di 2,5 ai 5 cm, sono di color porpora
Dimensioni:
Irrigazione:
moderata, solo quando necessario e nel periodo estivo
Concimazione:
primavera e autunno con concime organico
Foglie:
grigio-verdi, lineari o lineari-lanceolate
Esposizione:
pieno sole o mezz´ombra
Temperature:
teme il freddo
Terreno:
ben drenato, leggermente acido
Potatura:
fine inverno e dopo la fioritura, eliminare i rami rotti dalla neve e tagliare (abbassare) almeno la metà o i 2/3 della vegetazione
Curiosità:
Schede Correlate

Hebe

 Descrizione Genere che comprende tantissime varietà e ibridi, originari perlopiù dalla Nuova Zelanda. Sono arbusti sempreverdi, dal fogliame molto diversificato (a seconda della specie e varietà), si va dalla forma […]

Hippophae

 Descrizione La specie più utilizzata di questo arbusto spinoso e non privo di attrattiva è l’Hippophae rhamnoides (foto), ovvero l’olivello spinoso. E’ facilmente riconoscibile per il portamento eretto (ma se […]

Crataegus

 Descrizione I biancospini sono degli arbusti caducifogli dalla forma arrotondata, espansa e opportunamente formati sono reperibili anche ad alberello. Si riconoscono per le foglie lobate. Ma soprattutto per i piccoli […]