Bonsai Pino

 Descrizione

Genere abbastanza vasto, si differenziano dalle altre conifere per gli aghi a sezione triangolare, in alcune specie riunite a due a due come nel Pinus sylvestris, ma che possono formare verticelli di 3-5 foglie in altre specie (per es Pinus cembra o Pinus strobus ).

Il colore è variabile da specie a specie e va dal verde scuro a tutte le sfumature di verde-grigio, così come la loro lunghezza. La forma dei pini è generalmente conica e piramidale, ma per esempio, Pinus sylvestris con l’età perde le ramificazioni basali mostrando un’ampia chioma rada e più o meno globosa o appiattita.

La selezione ha poi portato varietà anche ricadenti o piangenti, e altre più compatte e quasi fastigiate.

Le specie di pino più utilizzate e più facili da reperire come bonsai sono: Pinus thunbergii (Pino nero) e Pinus pentaphylla (Pino a cinque aghi). Senza ombra di dubbio i bonsai di pino, sono di gran lunga i bonsai più largamente apprezzati e coltivati, grazie anche al fatto che sono molto longevi e particolarmente resistenti alle condizioni climatiche.

 Coltivazione

Amanti della luce e particolarmente resistenti al freddo, i bonsai di pino, possono essere posti a dimora all´esterno, in posizioni soleggiate, avendo cura di proteggere gli esemplari più giovani dai freddi venti invernali.

Sopportando brevi periodi di siccità, le annaffiature dovranno essere eseguite a terreno completamente asciutto, procedendo lentamente e ripetendo l´operazione a distanza di qualche minuto. Nella stagione estiva, quando si raggiungono temperature elevate, la chioma del pino trae parecchio giovamento apportando ad essa frequenti nebulizzazioni.

Cosa molto importante è evitare assolutamente i ristagni idrici. A tal scopo si consiglia un terreno ben drenato, sabbia grossolana e akadama di granulometria fine sono i componenti ideali.

Quando le gemme sono rigonfie ma gli aghi non ancora presenti, è il periodo ideale per effettuare il rinvaso. La cadenza sarà ogni 2-3 anni per gli esemplari giovani, mentre per quelli già adulti sarà ogni 5-6 anni; nell´attesa che si aprano gli aghi il pino dovrà essere posto a dimora in posizione ombreggiata, intervenendo con frequenti nebulizzazioni sulla chioma.

La tendenza del pino a svilupparsi in altezza, sarà ostacolata cimando gli stessi, favorendo in questo modo l´espansione in orizzontale. Onde evitare una grossa fuoriuscita di resina, la potatura andrà effettuata nel periodo che invernale e primaverile, quando la produzione di linfa è limitata.

Caratteristiche in breve
Famiglia:
Pinaceae
Fiori:
Dimensioni:
Irrigazione:
Solo a terreno completamente asciutto
Concimazione:
Concime specifico per bonsai, miscelato all'acqua della annaffiatura ogni 2 settimane nel periodo vegetativo
Foglie:
Aghi a sezione triangolare
Esposizione:
Pieno sole
Temperature:
Molto resistenti al freddo
Terreno:
Ideale, sabbia grossolana e akadama di granulometria fine
Potatura:
In inverno o primavera, quando la produzione di linfa è limitata
Curiosità:
Sono molto longevi
Schede Correlate

Bonsai Abete

 Descrizione Gli abeti sono tra le conifere con lo sviluppo più grande e veloce. Presenti in tutti i continenti, si riconoscono agevolmente per il portamento conico piramidale, e il fogliame […]

Bonsai Ficus

 Descrizione Con oltre 800 specie diverse, il Ficus è uno dei generi di alberi più diffusi al mondo, soprattutto nelle parti calde o temperate del pianeta. Numerose specie diventano veramente […]

Bonsai Glicine

 Descrizione Conosciute con il nome comune di glicine, queste volubili Papilionaceae sono sicuramente gli arbusti rampicanti più vigorosi e appariscenti. Il portamento è di un grande rampicante avvolgente che con […]