Ginkgo biloba

 Descrizione

Genere piuttosto limitato, dato che comprende una sola specie: Ginkgo biloba. Le origini si perdono nella notte dei tempi, nel Giurassico (150 milioni di anni fa) quando ancora scorrazzavano i dinosauri e l’uomo era solo un’idea. A vedersi non si direbbe che si tratta di una conifera, ma alcuni suoi aspetti botanici la fanno appartenere (o essere molto vicina) a questa grande famiglia. Il carattere più caratteristico della specie è la foglia, dalla forma identica ad un ventaglio (a quella del capelvenere), caduca, verde brillante, che in autunno si tinge di un bel giallo intenso. Il portamento invece potrebbe ricordare certe conifere, ma diventa spesso più disordinato, anche se comunque raggiunge la ragguardevole altezza di 18-20 mt, anche se non in tempi brevi.

Coltivazione

Le piante di Ginkgo biloba si adattano bene ad ogni situazione, anche in piena città dove l’inquinamento atmosferico è elevato. La particolarità e bellezza del fogliame, la fanno preferire spesso ad altre conifere, anche per il vantaggio delle foglie caduche che così lasciano passare la luce solare nella cattiva stagione. Accanto a latifoglie come i carpini, le querce o i frassini, può formare macchie arboree di indiscussa bellezza. Così come risulta molto interessante se abbinato ad essenze dalle tonalità porpora o rosse, Faggio rosso per esempio, per creare magnifici giochi di contrasto.

 

 

Caratteristiche in breve
Famiglia:
Ginkgoaceae
Fiori:
Piccoli e insignificanti
Dimensioni:
Irrigazione:
Non necessaria, ma evitare periodi siccitosi troppo prolungati
Concimazione:
In primavera con concime organico per piante giovani
Foglie:
Identica ad un ventaglio, caduca, verde brillante
Esposizione:
Sole
Temperature:
Fino a -25 °C
Terreno:
Fertile, di medio impasto, ben drenato
Potatura:
Non necessaria, esclusivamente per eliminare rami rotti o danneggiati
Curiosità:
La specie ha origini antichissime che risalgono a 150-200 milioni di anni fa
Schede Correlate

Cedrus

 Descrizione Ecco le conifere più imponenti e diffuse che si possono coltivare nei parchi o giardini di buone dimensioni (fino a 25-28 mt di altezza). Si tratta di conifere dalla […]

Larix

 Descrizione Genere di conifere che in ambiente alpino, ha la specie Larix decidua come la più temeraria delle conifere spingendosi volentieri fino a 2200 mt e oltre. Non mancano però […]

Araucaria

 Descrizione Stupende conifere fin troppo utilizzate in passato in giardini anche piccoli. Le dimensioni però sono senz’altro rispettabili, anche se raggiunte in molti anni. L’altezza varia dai 15 ai 20 […]