Anchusa

 Descrizione

Genere di erbacee perenni, annuali o biennali, appartenenti alla famiglia delle Boraginaceae, sono presenti in tutta Europa, Italia compresa.

La specie più conosciuta è Anchusa azurea, erbacea dal portamento cespitoso eretto; in foto Anchusa azurea ´Loddon Royalist´.

La foglia è media, verde scuro e un po’ rugosa. I fiori sono blu genziana, piccoli, simili ai miosotis (non ti scordar di me) riuniti in infiorescenze dense, su steli eretti.

Sono considerate erbacee perenni “a vita breve” e raggiungono l’altezza massima è di 100 cm.

 Altre specie

Anchusa capensis, dal portamento cespuglioso, presenta foglie appuntite, strette e tomentose, mentre i fiori estivi sono di color blu. Altezza massima 35-45 cm.
Anchusa leptophylla, anch´essa con fiori blu che fioriscono per tutta l´estate, raggiunge mediamente i 40-60 cm di altezza il primo anno, per arrivare fino a 90 nel secondo.
Anchusa officinalis, con foglie lanceolate, gambi tomentosi e fiori a cinque petali di colore blu molto intenso con il centro bianco.

 Coltivazione

Relativamente facili da coltivarsi, in terreno fertile, fresco e umido, senza ristagni. Amano il sole e in mezz’ombra producono meno fiori. Si utilizzano per formare macchie vaste, disporne almeno una ogni 30-40 cm per un buon effetto estetico.

Al termine della fioritura è bene tagliarle basse per stimolarne nuovamente la vegetazione.

Fertilizzare in primavera con concime organico o minerale a lenta cessione e pacciamare in autunno con strame fogliare o compost ben maturo.

Irrigare moderatamente nel periodo estivo.

 

 

Caratteristiche in breve
Famiglia:
Boraginaceae
Fiori:
Blu genziana, piccoli, simili ai miosotis (non ti scordar di me)
Dimensioni:
Non superano i 100 cm
Irrigazione:
Irrigare periodicamente senza creare ristagni
Concimazione:
Primavera e autunno con concime organico
Foglie:
Verde scuro e un po’ rugosa
Esposizione:
Sole
Temperature:
Fino a -20 °C
Terreno:
Fertile e ben drenato, anche umido
Potatura:
Solo per eliminare il fogliame e i fiori deperiti
Curiosità:
Schede Correlate

Dracocephalum

 Descrizione Genere di erbacee di origine alpina che comprende alcune specie molto belle, ma purtroppo per niente conosciute. Per esempio le varietà di Dracocephalum argunense (foto), hanno un portamento cespitoso […]

Alchemilla

 Descrizione Pare che il nome Alchemilla derivi dalla parola “alchimista”, ovvero colui che all’origine della medicina usava prelevare di buon mattino la rugiada depositata sulle foglie di questa interessante erbacea […]

Foeniculum

 Descrizione Genere di erbacee appartenenti alla famiglia delle Apiaceae composto da pochissime specie, in campo ornamentale, la più utilizzata e appariscente è senz’altro Foeniculum vulgare “Purpureum”; una perenne robusta e […]