Aruncus

 Descrizione

Erbacee caduche assai poco conosciute e meritevoli di un uso più frequente soprattutto per quel che riguarda le specie e varietà più nane, hanno portamento cespitoso, espanso, simile a quello delle Astilbe. Anche le foglie finemente frastagliate in Aruncus aethusifolius (h 25-30 cm max) ricordano le Astilbe, mentre nei meno eleganti Aruncus dioicus (foto), sono più lanceolate e grandi, con lunghi piccioli, verde scuro.

I fiori bianco crema sono minuti e riuniti in infiorescenze piumose e rade in dioicus, mentre in aethusifolius risultano più compresse e fitte, su steli corti.

 Altre specie

Aruncus asiaticus e Aruncus sinensis, con piccoli fiori bianco-crema, che da tarda primavera ad inizio estate, spuntano su “pennacchi” piumati di grandi dimensioni.

 Coltivazione

Amano la mezz’ombra e i terreni fertili, anche in vicinanza dell’acqua. In questi ambienti vegetano vigorosamente e diventano i regnanti incontrastati, quindi di lunga durata, soprattutto in giardino sono molto belli a vedersi fioriti accanto a laghetti o ruscelli. Le specie e varietà nane di Aruncus, vanno bene anche in rock garden un po’ umidi e fertili, oppure in vaso.

Concimare in autunno e primavera con fertilizzante organico o minerale a lenta cessione e pacciamare in autunno con strame fogliare o compost ben maturo.

Irrigare in abbondanza nei periodi di gran caldo o di secco prolungato.

 

 

Caratteristiche in breve
Famiglia:
Rosaceae
Fiori:
Sono minuti e riuniti in infiorescenze piumose
Dimensioni:
Non superano i 100-120 cm
Irrigazione:
Irrigare periodicamente senza creare ristagni
Concimazione:
Primavera e autunno con concime organico
Foglie:
Finemente frastagliate o lanceolate e grandi a seconda della specie
Esposizione:
Ombra o mezz'ombra
Temperature:
Fino a - 20° C
Terreno:
Fertile e ben drenato, anche umido
Potatura:
Solo per eliminare il fogliame e i fiori deperiti
Curiosità:
Schede Correlate

Platycodon

Genere di erbacee appartenenti alla famiglia delle Campanulaceae trova nella Platycodon grandiflorus (foto), la specie più utilizzata; una pianta di sicuro effetto nel giardino, soprattutto se piantata in un folto gruppo. […]

Kniphofia

 Descrizione Genere originario del Sud Africa, le cui specie hanno portamento eretto e cespitoso. Le foglie sono coriacee, lineari, molto lunghe e flessuose con margini spesso taglienti (attenzione!), il colore […]

Dracocephalum

 Descrizione Genere di erbacee di origine alpina che comprende alcune specie molto belle, ma purtroppo per niente conosciute. Per esempio le varietà di Dracocephalum argunense (foto), hanno un portamento cespitoso […]