Asphodeline

 Descrizione

Erbacee della famiglia delle Asphodelaceae dal portamento simile a quello dell’aglio, anche le foglie lo ricordano: strette lunghe e verde grigie. Le radici sono carnose e i fiori sono gialli, piccoli, a stella e riuniti in infiorescenze dense, come spighe apicali. Sbocciano da fine primavera a metà estate e al massimo raggiungono il metro di altezza.

 Principali specie

Asphodeline brevicaulis, erbacea perenne che fiorisce in aprile-maggio, raggiungendo un altezza massima di 60-100 cm.
Asphodeline liburnica, con fusti eretti (40-60 cm), lunghe foglie filiformi e fiori giallo che sbocciano in giugno-luglio.
Asphodeline lutea (foto), simile alla liburnica, ma più alta (80-100 cm) e con foglie a sezione triangolare.
Asphodeline taurica, pianta abbastanza rara, presenta foglie strette grigio-verdi e spighe di fiori biancastri sulla sommità di rigidi steli. Altezza massima 30-40 cm.

 Coltivazione

Erbacee adatte ai climi più caldi o dove l’inverno non si riveli un nemico, perché al massimo resistono fino a meno -3-5 C°. Le Asphodeline, amano i terreni sassosi, mediamente fertili ma comunque molto ben drenati, anche su pendii esposti e in pieno sole. Sono utili per formare gruppi o macchie nei giardini rocciosi mediterranei abbastanza ampi.

 

 

Caratteristiche in breve
Famiglia:
Asphodelaceae
Fiori:
Gialli, piccoli, a stella e riuniti in infiorescenze dense
Dimensioni:
Non superano i 100 cm
Irrigazione:
Solo quando necessario e nel periodo estivo
Concimazione:
Primavera e autunno con concime organico
Foglie:
Strette lunghe e verde grigie
Esposizione:
Sole e riparata dai venti freddi
Temperature:
Fino a -5 °C
Terreno:
Fertili o poveri, molto ben drenati, anche sassosi
Potatura:
Solo per eliminare il fogliame e i fiori deperiti
Curiosità:
Schede Correlate

Mentha

 Descrizione Non sono molte le mente ornamentali, ma tutte possono essere introdotte nel giardino in cui si dia la prevalenza e il giusto valore al grande gruppo delle aromatiche e […]

Lupinus

 Descrizione Il nome probabilmente trae origine dall’aspetto peloso e grigio del tegumento che riveste i semi, oppure dal greco lype, ossia pena o sofferenza, perché un tempo era il cibo […]

Helleborus

 Descrizione Si tratta di uno dei generi più apprezzati, ma ancora troppo poco utilizzati nei giardini italiani, dove ci si limita spesso al solo Helleborus niger; mentre sono molte le […]