Bergenia

 Descrizione

Le Bergenia sono erbacee sempreverdi dal portamento cespitoso, di sicuro effetto per le grandi foglie cuoiose, ovali o arrotondate, appena dentate ai margini, lucide di color verde scuro ma anche rosse o porpora in autunno inverno, in molte varietà. Le principali varietà sono spesso originate da B. cordifoliaB. crassifolia e B. ciliata, selezionate per l’aspetto più o meno compatto o vigoroso, per il viraggio autunnale delle foglie e ovviamente per la colorazione dei fiori. I fiori infatti sono piccoli, simili a coppe o campanule, riuniti in dense infiorescenze su robusti steli eretti, con colori che vanno dal bianco puro al rosa intenso. Sbocciano da marzo a maggio, ma anche in pieno inverno nei climi miti. L’altezza massima è di 40 cm.

 Principali specie e varietà

Bergenia ciliata, con fiori estivi bianco-rosati e foglie rotonde, tomentose e con i bordi ondulati. Altezza 20-30 cm.
Bergenia cordifolia, con foglie rotonde a base cuoriforme e fiori rosa-lilla, penduli e campanulati. Altezza 30-40 cm.
Bergenia crassifolia (foto), con foglie ovali e fiori bianco-rosati o rosa pallido.
Bergenia emeiensis, con foglie oblunghe e fiori bianchi a cinque petali.
Bergenia pacumbis, con foglie ovate-allungate dai margini seghettati e fiori bianco-rosati, talvolta completamente rosa.
Bergenia purpurascens, con foglie ellittiche e fiori con calice color porpora scuro e petali dello stesso colore, ma più chiari. Altezza 30-40 cm.
Bergenia x schmidtii, con foglie larghe ed ovate di color verde scuro e fiori estivi con sfumature dal rosa al porpora.
Bergenia stracheyi, con piccole foglie obovate e fiori primaverili campanulati di color rosa pallido. Altezza 20-30 cm.

 Coltivazione

Sono piante rustiche, pur con qualche eccezione come Bergenia ciliata, che vegeta bene in clima mediterraneo. Il terreno deve essere privo di ristagni, fertile, al sole o in mezz’ombra; disponendone una ogni 40 cm, coprono velocemente il terreno.

Sono piante coriacee che durano molti anni nel giardino, ed è per questo che non mancavano mai nei vecchi giardini di campagna ma anche in quelli più nobili o nelle ville patrizie. Le varietà più compatte possono essere utilizzate anche nella coltivazione in vaso.

Fertilizzare moderatamente in primavera con concime organico o minerale.

Eliminare almeno una volta all’anno il fogliame deperito o secco.

Caratteristiche in breve
Famiglia:
Saxifragaceae
Fiori:
Piccoli, simili a coppe o campanule, riuniti in dense infiorescenze
Dimensioni:
Irrigazione:
Solo quando necessario e nel periodo estivo
Concimazione:
Primavera e autunno con concime organico
Foglie:
Grandi foglie cuoiose, ovali o arrotondate, appena dentate ai margini, lucide
Esposizione:
Sole o mezz´ombra
Temperature:
Fino a -20 °C
Terreno:
Fertile e ben drenato
Potatura:
Solo per eliminare il fogliame e i fiori deperiti
Curiosità:
Schede Correlate

Anchusa

 Descrizione Genere di erbacee perenni, annuali o biennali, appartenenti alla famiglia delle Boraginaceae, sono presenti in tutta Europa, Italia compresa. La specie più conosciuta è Anchusa azurea, erbacea dal portamento cespitoso […]

Nepeta

 Descrizione Ampio genere di Lamiaceae, conosciute anche come “erba dei gatti”, anche se il suddetto nome è da riferirsi più propriamente alla Nepeta cataria. Esistono specie a portamento a cuscinetto e […]

Linaria

 Descrizione Genere poco conosciuto ma ricco di sorprese, come la Linaria aeruginea, una specie che ha dato vita ad alcune varietà molto interessanti per il giardino roccioso. Per esempio Linaria aeruginea […]