Dictamnus

 Descrizione

Genere di erbacee perenni appartenenti alla famiglia delle Rutaceae, è rappresentato da un´unica specie, la Dictamnus albus (foto), detta anche “limonella”. Infatti le sue foglioline lanceolate sono aromatiche e di color verde scuro, un po’ coriacee con fiori stellati bianchi e riuniti in lunghi racemi eretti, che conferiscono alla pianta un bel portamento eretto. L’altezza raggiunge i 100 cm.

  Altre varietà 

Dictamnus albus var. purpureus, con foglie pennate e spighe di fiori rosa-porpora con stami prominenti.
Dictamnus albus var.roseus, con fiori rosa molto profumati, che sbocciano in giugno-luglio. Altezza 50-60 cm.

 Coltivazione

Il Dictamnus albus ama i terreni soleggiati, fertili e ben drenati, essendo originario delle zone rocciose calcaree di Cina, Corea e Europa Sud Occidentale. Una volta trovata la posizione ideale è meglio non effettuare spostamenti che danneggerebbero irrimediabilmente la pianta.

Fertilizzare in primavera con concime organico tipo letame pellettato o compost ben maturo.

 

 

Caratteristiche in breve
Famiglia:
Rutaceae
Fiori:
Stellati bianchi e riuniti in lunghi racemi eretti
Dimensioni:
Non superano i 100 cm
Irrigazione:
Irrigare periodicamente senza creare ristagni
Concimazione:
Primavera e autunno con concime organico
Foglie:
Lanceolate e aromatiche, di color verde scuro
Esposizione:
Sole
Temperature:
Fino a -15 °C
Terreno:
Fertile, di medio impasto, ben drenato, anche calcareo
Potatura:
Solo per eliminare il fogliame e i fiori deperiti
Curiosità:
Schede Correlate

Dianthus

 Descrizione Genere di erbacee vastissimo che comprende specie annuali e biennali ma soprattutto perenni. Sono impiegati in quasi tutti i giardini del mondo e risulta impossibile classificarli tutti. I più […]

Erodium

 Descrizione Genere di erbacee perenni alla famiglia delle Geraniaceae, è composto da all´incirca da 60 specie e la più conosciuta e utilizzata è Erodium Manescavii (foto); una geraniacea di sicuro effetto […]

Lupinus

 Descrizione Il nome probabilmente trae origine dall’aspetto peloso e grigio del tegumento che riveste i semi, oppure dal greco lype, ossia pena o sofferenza, perché un tempo era il cibo […]