Draba

 Descrizione

Genere di erbacee perenni sempreverdi, dal portamento quasi sempre a cuscino o comunque nane e tappezzanti. Le Draba, presentano foglie piccole e lanuginose o tomentose, riunite in rosette, grigio verde o grigio argentee. I fiori sono piccoli, a croce riuniti in infiorescenze fitte, a volte portate su steli eretti, altri aderenti alle foglie a seconda della specie. Sbocciano precocemente alla fine dell’inverno o durante la primavera, il colore dominante è il giallo, (più rare le specie bianche). L’altezza massima che possono raggiungere è 10-15 cm.

 Principali specie

Draba aizoides (foto), con foglie lineari e rigide e fiori dai petali giallo pallido e centro giallo limone, che sbocciano su steli al di sopra delle foglie. Altezza 10-15 cm.
Draba borealis, con foglie basali ovali e steli sui  quali compaiono lontano dalle foglie, fiori bianchi a quattro petali.
Draba oligosperma, originaria delle zone subartiche del pianeta, forma bassi cuscini molto compatti, ideali per l´impiego in giardini rocciosi. I piccoli fiori gialli sono tipici del genere.
Draba ramosissima, con piccoli grappoli di fiori bianchi e foglie con margini frastagliati.
Draba rigida, con foglie disposte a rosetta, formano cuscini compatti non più alti di 10 cm. I fiori giallo oro compaiono su corti steli in aprile-maggio.

 Coltivazione

Sono piante ideali per il giardino roccioso o da inserire in muretti a secco, comunque esaltate dalla presenza di roccia e pietra. Quindi preferiscono i terreni permeabili sabbiosi o ghiaiosi, anzi si avvantaggiano molto se possono appoggiare il fogliame basso ad uno strato di ghiaia, che ne evita i facili marciumi al colletto.

Le Draba necessitano di essere concimate in primavera con fertilizzante minerale complesso a basso titolo di azoto; evitare di irrigare dall’alto, ma solo direttamente sul terreno.

 

 

Caratteristiche in breve
Famiglia:
Brassicaceae
Fiori:
Piccoli, a croce riuniti in infiorescenze fitte
Dimensioni:
Non superano i 10-15 cm
Irrigazione:
Irrigare periodicamente senza creare ristagni
Concimazione:
Primavera e autunno con concime organico
Foglie:
Piccole e lanuginose o tomentose, riunite in rosette
Esposizione:
Sole o mezz'ombra
Temperature:
Fino a -20 °C
Terreno:
Fertili o poveri, molto ben drenati, anche sassosi
Potatura:
Non necessaria
Curiosità:
Schede Correlate

Acanthus

 Descrizione Senza esagerare, ma se ne reperite qualcuno nei vivai specializzati non fatevelo scappare, si tratta di una erbacea perenne dalla forma cespitosa e densa, con numerosi fiori imbutiformi porpora […]

Verbascum

 Descrizione In Italia, sono quasi esclusivamente conosciute come piante tipiche degli incolti e dei greti fluviali. Sono invece tante le varietà o ibridi di Verbascum, da potersi utilizzare con successo […]

Antennaria

 Descrizione Piccole erbacee striscianti, stolonifere, delle quali la specie più conosciuta, con le molte varietà, è Antennaria dioica. Gli stoloni aderiscono sul terreno ampliando le singole piante e formando così […]