Iris (Giaggiolo)

 Descrizione

Genere vastissimo che da solo potrebbe benissimo occupare tutto lo spazio di un grande sito. Non sono pochi infatti i vivai specializzati in queste bellissime rizomatose e bulbose che trovano posto in tutti i giardini del mondo. Erbacee che si caratterizzano per avere fiori medi o grandi con tre petali esterni o ali ricurve barbate o crestate e tre tepali o vessilli interni, più o meno eretti o lievemente ricurvi. L’eleganza di questi fiori non si discute e la selezione è sempre in fermento, tanto che ogni anno non sono poche le nuove varietà registrate dai selezionatori di tutto il mondo, una vera pacchia per gli appassionati del genere. I colori dei fiori vanno dal bianco puro al quasi nero (viola porpora molto scuro). Molte sono le varietà con fiori larghi anche 13-15 o più cm che ai colori di fondo aggiungono venature più scure, sfumature bicolore, macchie contrastanti e altre gioie per gli occhi. I fiori sono portati da steli singoli o ramificati anche in numero di 10 o 12 per infiorescenza, in primavera e inizio estate. Le altezze variano dai 20-30 cm degli Iris barbata nana a quelle di 100-120 cm degli Iris Barbata-elatior o Grandi Iris. Alcuni cataloghi classificano le Iris da giardino in Iris Barbate, Iris non barbate e Iris crestate. Le prime sono ulteriormente suddivise in nane, medie e grandi. Le seconde comprendono le Iris Pacific Coast, siberiane, giapponesi, Spuria.

Coltivazione

Quasi tutte le Iris sono rustiche e seppur caratterizzate da una decisa vigoria, le condizioni migliori si ottengono badando al loro gruppo di appartenenza. Quindi le Iris barbate amano il pieno sole e i terreni ben drenati e perfino asciutti, mentre le Iris non barbate preferiscono terreni più umidi o addirittura con l’acqua che lambisce le radici come i bordi degli specchi d’acqua. Sono piante molto adatte per formare ampie macchie, dove sarebbe meglio favorire la proliferazione di poche varietà, dai colori ben dosati, per non incorrere in uno sgradevole effetto “arlecchino”. Quindi si badi anche all’altezza sistemando quelle più assurgenti in posizione arretrata, rispetto alle varietà basse. Le Iris sono ottime piante per  terreni in pendenza, che con i loro rizomi vigorosi contribuiscono a trattenere efficacemente. Concimare in primavera e estate con fertilizzante minerale a lenta cessione, mentre è meglio utilizzare poco concime organico per evitare i marciumi. Irrigare moderatamente nei periodi caldi e in abbondanza le varietà palustri. Dopo un certo numero di anni è meglio suddividere le piante all’inizio della primavera sfoltendole e riposizionandole.

 

 

Iris barbata ´Dover Beach´

 

 

Iris sibirica

 

 

Iris barbata ´Grand Waltz´

 

Caratteristiche in breve
Famiglia:
Iridaceae
Fiori:
Medi o grandi con tre petali esterni o ali ricurve barbate o crestate e tre tepali o vessilli interni, più o meno eretti o lievemente ricurvi
Dimensioni:
Irrigazione:
Irrigare periodicamente senza creare ristagni
Concimazione:
Primavera e autunno con concime organico
Foglie:
Lanceolate in varie sfumature di verde, a seconda della specie
Esposizione:
Sole
Temperature:
Fino a -20 °C
Terreno:
Fertile e ben drenato, anche umido
Potatura:
Non necessaria
Curiosità:
Schede Correlate

Baptisia

 Descrizione Genere di erbacee della famiglia delle Fabaceae, originarie del Nord America, trovano come unica specie utile in giardino la Baptisia australis (foto); una caducifoglia dal portamento eretto e allargato. […]

Cotula

 Descrizione Inconfondibili per l’aspetto di morbido cuscino o tappezzanti molto prostrate e aderenti al terreno. La rappresentante più conosciuta e originale è Cotula hispida (foto), dalle foglie sottili e filiformi, morbidissime […]

Aethionema

 Descrizione Genere di piccole erbacee o suffrutici sempreverdi con portamento a cuscino o globoso compatto. Hanno foglie piccole e sottili, lineari, oblunghe, verde scuro o verde-blu, ricoperte di pruina, anche […]