Pachysandra

 Descrizione

Uno dei generi di erbacee perenni tra i più utilizzati dai giardinieri di tutto il mondo il cui aspetto è di piante striscianti o comunque prostrate al terreno. La specie più conosciuta è Pachysandra terminalis (foto), che comprende alcune varietà a foglia variegata o sviluppo contenuto. Hanno foglia ovale e dentata all’apice, verde scuro (nella specie), lucida e di consistenza coriacea. Sono portate nella parte eretta di steli robusti e striscianti. I fiori sono poco appariscenti, piccoli e bianchi, e sbocciano nel mese di maggio-giugno.

 Principali specie e varietà

Pachysandra axillaris, una specie rara che presenta foglie lucide da triangolari a lanceolate e fiori, notevolmente profumati, di colore bianco che compaiono da inizio primavera. Altezza 10-20 cm.
Pachysandra procumbens, semi-sempreverde con foglie ovate, grossolanamente dentate, leggermente tomentose e fiori bianco-rosati che cominciano a sbocciare ad aprile. Altezza 15-25 cm.
Pachysandra stylosa, sempreverde con fogliame verde scuro e fiori bianco-rosati. Prospera molto bene in zone in ombra e i terreni acidi. Ottima coprisuolo raggiunge un´altezza massima di 20-25 cm.
Pachysandra terminalis ´Green Carpet´, sempreverde con foglie lucide, finemente dentate e fiori estivi bianchi. Ottima coprisuolo dal portamento compatto arriva al massimo a 10-15 cm di altezza.
Pachysandra terminalis ´Green Sheen´, anch´essa ottima coprisuolo con foglie verde scuro, è leggermente più lenta nella crescita rispetto alle altre terminalis, ma più tollerante al caldo. Altezza 15-20 cm.
Pachysandra terminalis ´Variegata´, simile alle altre terminalis, si differenzia per la maggior altezza (20-25 cm) e per le foglie variegate bianco-crema sui margini.

Coltivazione

Si tratta di suffrutici adatti a formare vaste coperture del terreno quindi essenzialmente utilizzate come piante tappezzanti; amano l’ombra e il sottobosco dove riescono meglio, infittendosi in breve tempo.

Il terreno è ideale, se fertile e fresco ma senza ristagni e mantengono la vegetazione anche durante l’inverno soprattutto in climi non troppo rigidi, dove altrimenti si deprimono un po’.

Ogni due o tre anni sarebbe buona norma cimare le piante per stimolare la produzione di nuova vegetazione; concimare in autunno e primavera con fertilizzante organico o minerale a lenta cessione ed irrigare con moderazione in estate o nei periodi asciutti.

 

 

Caratteristiche in breve
Famiglia:
Buxaceae
Fiori:
Piccoli, bianchi o crema, poco appariscenti
Dimensioni:
Non superano i 25 cm
Irrigazione:
Irrigare periodicamente senza creare ristagni
Concimazione:
Primavera e autunno con concime organico
Foglie:
Ovale e dentata all’apice, verde scuro (nella specie), lucida e di consistenza coriacea
Esposizione:
Ombra o mezz'ombra
Temperature:
Fino a -15 °C
Terreno:
Fertile e ben drenato
Potatura:
Solo per eliminare il fogliame e i fiori deperiti
Curiosità:
Ottima coprisuolo
Schede Correlate

Rudbeckia

 Descrizione È difficile privarsene, sono troppe le qualità di queste robuste composite: innanzitutto la facilità di coltivazione, quindi l’esuberante fioritura medio-tardiva, ovvero che si presenta a fine estate, quando nel […]

Liriope

 Descrizione Genere di erbacee appartenenti alla famiglia delle Asparagaceae, trova nella Liriope muscari e le sue varietà, la specie più conosciuta e utilizzata. Il portamento è cespitoso ed espanso, potendo […]

Polemonium

 Descrizione Grazie alle loro foglie pennate, formate da foglioline lanceolate, hanno un aspetto che ricorda quello delle felci. Il colore della foglia varia dal verde brillante al porpora , come […]