Papaver (Papavero)

 Descrizione

Ampio genere che comprende sia erbacee da giardino roccioso sia altre più adatte al bordo misto e alle aiuole dei giardini country. Si differenziano sostanzialmente per lo sviluppo e l’altezza massima che raggiungono. I primi sono di aspetto cespitoso e non più alti di 25-30 cm, come il Papaver alpinum e il Papaver naudicale (foto), con relativi ibridi; i secondi sono anch’essi dal portamento cespitoso, ma senz’altro più vigorosi e di ampio sviluppo, come i Papaver orientale che, possono in certe varietà, svettare anche oltre i 120 cm di altezza. I due gruppi si differenziano anche per il fogliame che nelle varietà da roccioso è tomentoso, diviso in segmenti lineari e grigio-verde, mentre nelle varietà alte da aiuola la foglia è ampia, composta da segmenti dentati e lanceolati, vellutati e verde intenso. I fiori sono costituiti da una coppa singola, portata su un alto stelo che varia dai 3-4 cm dei papaveri di montagna, ai 8-10 cm dei papaveri orientali. Tutti i fiori dei Papaver sono satinati e intensamente colorati nelle molte tonalità del rosso e arancio, anche se non mancano le varietà di color bianco puro.

Coltivazione

Tutti i Papaver amano i terreni soleggiati e ben drenati, preferibilmente fertili. Gli orientali si avvantaggiano però di un moderato apporto idrico, mentre quelli nani si adattano perfettamente alla vita in roccaglia. Una caratteristica da non sottovalutare nei Papaver orientale è quella andare in riposo vegetativo dopo la fioritura, quindi le foglie disseccano e le aiuole si sguarniscono di una presenza importante. Si dovrebbero quindi abbinare queste belle erbacee, con fioriture estive che possono compensarne l’assenza: Achillea, Oenothera, Platycodon, graminacee ornamentali, ecc…Per evitare una eccessiva “stanchezza” della pianta, è meglio evitare la produzione di seme, recidendo gli steli dopo la fioritura; in questo modo è probabile una seconda emissione di fiori. Concimare in primavera con fertilizzante minerale a lenta cessione ed irrigare moderatamente nel periodo estivo e durante siccità prolungate.

 

 

 

 

 

Caratteristiche in breve
Famiglia:
Papaveraceae
Fiori:
Coppa singola, portata su steli più o meno alti a seconda della varietà
Dimensioni:
Irrigazione:
Irrigare periodicamente senza creare ristagni
Concimazione:
Primavera e autunno con concime organico
Foglie:
Variano da specie a specie
Esposizione:
Sole
Temperature:
Fino a -20 °C
Terreno:
Fertili o poveri, molto ben drenati, anche sassosi
Potatura:
Solo per eliminare il fogliame e i fiori deperiti
Curiosità:
Schede Correlate

Vinca

 Descrizione Sicuramente meno utilizzate di un tempo, rimangono comunque tra le principali erbacee tappezzanti adatte a formare coperture omogenee e fitte nel sottobosco o nella mezz’ombra. Sono due le specie […]

Primula

 Descrizione Il genere Primula è uno dei più vasti e comprende specie annuali biennali e ovviamente perenni. Si va da piante estremamente facili da coltivare come la Primula denticulata, ad […]

Althaea

 Descrizione Perenni o bienni inconfondibili per il portamento eretto formato da alti steli robusti, che possono superare facilmente i 250 cm. La foglia è lobata e ampia, simile a quella […]