Physostegia

 Descrizione

Le varietà di questa bella erbacea, più facilmente reperibili presso i vivai, sono tutte derivate da Physostegia virginiana. Una labiata purtroppo poco utilizzata, ma che meriterebbe più attenzione per l’abbondante fioritura in un periodo avaro di fiori, ovvero la fine dell’estate. I fiori appunto sono tubulari, simili a piccole bocche di leone, portati in file lungo spighe erette, alte fino a 120 cm. I colori più diffusi sono il rosa pallido e rosa porpora a seconda della varietà, più raro il bianco. La foglia ellittica o lanceolata è dentata, verde, che nella varietà ´Variegata´ diventa bianca sul bordo.

 Principali specie e varietà

Physostegia angustifolia, con foglie strette verde brillante e steli rigidi, sui quali compaiono fiori tubulari rosa riuniti in racemi. Altezza 60-120 cm per 60-90 cm di larghezza.
Physostegia virginiana ´Alba´, erbacea perenne dal portamento eretto, presenta foglie strette e lanceolate e spighe di fiori bianchi che iniziano a fiorire dal basso. Altezza 45-60 cm per altrettanti di larghezza.
Physostegia virginiana ´Crown of Snow´, con fiori bianco crema che sbocciano da steli e spighe color verde brillante. Altezza 60-90 cm.
Physostegia virginiana ´Miss Manners´, ibrido con fiori bianco puro, molto adatta per terreni umidi, anche in prossimità di stagni o laghetti. Altezza 75-90 cm per 45-60 di larghezza.
Physostegia virginiana ´Rose Crown´, simile alla ´Crown of Snow´, ma con spighe di fiori rosa.
Physostegia virginiana ´Rose Queen´, con lunghe foglie lanceolate verde scuro e fiori rosa intenso da luglio a settembre. Altezza 60-90 cm.
Physostegia virginiana ´Rosea´, simile alla precedente ma con fiori di un rosa leggermente più chiaro e alta 90-120 cm.
Physostegia virginiana ´Summer Snow´, con foglie opposte di color verde scuro e fiori bianco che sbocciano accoppiati su lunghi steli eretti. Altezza 60-75 cm per 40-60 di larghezza.
Physostegia virginiana ´Vivid´ (foto), con steli a sezione quadrata e fiori rosa-porpora che compaiono riunite in infiorescenze su steli alti 30-60 cm.

Coltivazione

Amano i terreni umidi, anche in prossimità di corsi d’acqua e laghetti, evitando i ristagni dove andrebbero incontro a marcescenza. Desiderano il sole, ma sono rustiche e possono affrontare gli inverni più terribili senza patemi d’animo. Nei periodi di gran caldo o estivi richiedono un surplus di apporto irriguo.

Sono molto adatte a formare bordi misti in giardini di campagna, ma vanno benissimo anche nella coltivazione in vaso. Si consiglia di disporne almeno una ogni 35-40 cm per formare macchie ampie e abbastanza fitte.

Fertilizzare in primavera con concime organico o minerale a lenta cessione e pacciamare in autunno con strame fogliare o compost ben maturo.

 

 

Caratteristiche in breve
Famiglia:
Lamiaceae
Fiori:
Tubulari, simili a piccole bocche di leone
Dimensioni:
Non superano i 100-120 cm
Irrigazione:
Irrigare periodicamente senza creare ristagni
Concimazione:
Primavera e autunno con concime organico
Foglie:
Ellittica o lanceolata, dentata
Esposizione:
Sole
Temperature:
Fino a -25 °C
Terreno:
Fertile e ben drenato, anche umido
Potatura:
Solo per eliminare il fogliame e i fiori deperiti
Curiosità:
Schede Correlate

Raoulia

 Descrizione Genere di erbacee alpine, appartenenti alla famiglia delle Asteraceae, presentano una crescita molto fine e fitta, creando delle masse erbose a forma di cuscino. La Raoulia australis, probabilmente è la […]

Incarvillea

 Descrizione Genere di erbacee appartenenti alla famiglia delle Bignoniaceae trova nella Incarvillea delavayi (foto), la specie più conosciuta; una erbacea di aspetto cespitoso con foglie pennate, da ovali a oblunghe, […]

Lupinus

 Descrizione Il nome probabilmente trae origine dall’aspetto peloso e grigio del tegumento che riveste i semi, oppure dal greco lype, ossia pena o sofferenza, perché un tempo era il cibo […]