Sagina

 Descrizione

La piccolissima pianta che descriviamo, assomiglia più ad un muschio che ad una erbacea, ma tant’è questa è proprio la sua forza, ovvero quella di poter creare dei fittissimi tappeti verdi, sempreverdi, alti non più di 1-2 cm.

La specie più comune è Sagina subulata (foto). La foglia è piccola, lineare, verde brillante e i fiori sono minutissimi, singoli, con 5 petali, sbocciano a fine primavera o inizio estate. Essendo stolonifera si allarga abbastanza velocemente sul terreno con i suoi germogli sottili e radicanti, se le condizioni pedoclimatiche lo permettono; è dotata anche di un lieve profumo.

Oltre alla Sagina subulata a questo genere appartiene anche la Sagina subulata var. glabrata ´Aurea´, che forma un bassissimo tappeto di minute foglie verde-giallo oro e minuscoli fiorellini bianchi che cominciano ad apparire nella tarda primavera. Altezza 1-2 cm.

Coltivazione

Le giuste condizioni per vederla vegetare senza problemi, sono la mezz’ombra e una certa umidità del terreno, ma senza ristagni, cioè un substrato ben drenante. Preferisce un suolo lievemente acido o neutro. In località troppo calde e secche non si sviluppa come dovrebbe, se non fornendole un apporto idrico giornaliero.

La Sagina subulata dà il meglio di sé tra le fessure di un selciato, o per ricoprire brevi porzioni di terreno sul giardino roccioso. Viene inoltre impiegata come “erbetta” nei vasi di bonsai.

Nei vivai viene proposta in vasetti o ciotole che sarebbe meglio non piantare tali e quali ma suddividendo le piante in “porzioni” più piccole. Irrigare subito dopo e nei giorni seguenti fino al completo attecchimento.

Si tratta comunque di piante rustiche che ben sopportano i rigori dell’inverno.

 

 

Caratteristiche in breve
Famiglia:
Caryophyllaceae
Fiori:
Minutissimi, singoli, con 5 petali
Dimensioni:
Non superano i 5 cm
Irrigazione:
Irrigare spesso, soprattutto in estate
Concimazione:
Primavera e autunno con concime organico
Foglie:
Piccole, lineari e verde brillanti
Esposizione:
Sole o mezz'ombra, al riparo dai freddi venti del Nord
Temperature:
Fino a -15 °C
Terreno:
Fertile e ben drenato, anche umido
Potatura:
Non necessaria
Curiosità:
Schede Correlate

Helleborus

 Descrizione Si tratta di uno dei generi più apprezzati, ma ancora troppo poco utilizzati nei giardini italiani, dove ci si limita spesso al solo Helleborus niger; mentre sono molte le […]

Saxifraga

 Descrizione Possiamo affermare senza temere smentite, che sono loro le vere regine dei giardini rocciosi. Le specie appartenenti a questo genere si dividono per comodità in base alle loro esigenze […]

Erigeron

 Descrizione Genere di erbacee caduche a portamento cespitoso o a cuscino espanso. Facilmente riconoscibili per i fiori con capolini simili alle margherite ma con ligule particolarmente fitte e sottili, che […]