Solidago

 Descrizione

Genere di erbacee dal portamento cespitoso, eretto, solitamente molto vigorose, ancora poco conosciute e utilizzate; meriterebbero molta più attenzione per le indubbie qualità di piante tuttofare. Hanno anche il vantaggio di fiorire in piena estate, dando al giardino o al parco un aspetto molto solare, per i gialli intensi con cui si presentano.

I fiori appunto sono una miriade e piccolissimi, riuniti in dense e abbondanti infiorescenze a pannocchia, erette e lievemente ricadenti sulle punte. Il colore dominante è il giallo nelle sue varie gradazioni.

La foglia è lanceolata, dentata e vellutata, verde chiaro. L’altezza varia da 50 a 120 cm a seconda della specie e varietà.

Ultimamente si assiste ad una più attenta selezione di piante dalla taglia contenuta, che ne favorisce la stabilità, oltreché l’aspetto estetico, più “ordinato” e compatto.

 Principali specie e varietà 

Solidago ´Citronella´, con fiori giallo limone da luglio a settembre. Altezza 90-100 cm.
Solidago ´Cloth of Gold´, con fiori gialli su robusti steli alti 30-40 cm, fioriscono da agosto a settembre.
Solidago ´Crown of Rays´, anch´essa con fiori gialli e dal portamento compatto. Altezza 30-40 cm.
Solidago flexicaulis ´Variegata´, con fiori gialli e foglie verdi variegate. Altezza 90-100 cm.
Solidago ´Little Lemon´, dal portamento basso e compatto produce spighe di fiori dal giallo pallido al giallo limone. Altezza 25-30 cm.
Solidago x luteus ´Lemore´, con fusti eretti, foglie strette e fiori giallo pallido, riuniti in racemi. Altezza 80-100 cm.
Solidago ´Queenie´, cultivar dal portamento basso e compatto, presenta fogliame variegato e infiorescenze giallo oro, sulla parte terminale degli steli. Altezza 20-30 cm.
Solidago riddellii, con foglie lineari, strette, lanceolate e fiori riuniti in corimbi di color giallo, che fioriscono da luglio a settembre. Altezza 60-90 cm.
Solidago rugosa ´Fireworks´ (foto), cultivar con steli ricadenti, ricoperti di piccoli fiori giallo oro, che fioriscono sul finire dell´estate. Altezza 90-120 cm.
Solidago sphacelata ´Golden Fleece´,  cultivar dal portamento basso e compatto produce lunghi steli ricadenti, ricoperti di fiori giallo brillante in agosto e settembre. Altezza 30-45 cm.

Coltivazione

Piante rustiche che non temono i terreni poveri, meglio se soleggiati, sia in pH tendenzialmente acido sia alcalino. Sono piante ideali per rivestire scarpate o rive scoscese, così come per formare macchie nei bordi misti dei giardini in stile country.

Unite alle graminacee ornamentali, trovano impiego anche in giardini più moderni e formali, ma sempre per dare una nota di ambientazione naturale. Alcune varietà possono diventare un po’ invadenti. 

Non richiedono cure importanti ma solo una concimazione primaverile con fertilizzante minerale a lenta cessione. Irrigare durante i periodi siccitosi o di gran caldo e in caso di attacco di oidio, trattare con zolfo bagnabile.

Le Solidago sono anche ottime come fronde da reciso.

 

 

Caratteristiche in breve
Famiglia:
Asteraceae
Fiori:
Piccolissimi, riuniti in dense e abbondanti infiorescenze
Dimensioni:
Da 50-60 cm fino a 120-130 cm
Irrigazione:
In estate o durante periodi siccitosi
Concimazione:
Primavera e autunno con concime organico
Foglie:
Lanceolate, dentate e vellutate, verde chiaro
Esposizione:
Sole
Temperature:
Fino a -20 °C
Terreno:
Fertili o poveri, molto ben drenati, anche sassosi
Potatura:
Solo per eliminare il fogliame e i fiori deperiti
Curiosità:
Schede Correlate

Schizostylis

 Descrizione La piccola iridacea viene spesso confusa con della comune erba di prato, se non fosse che al momento della fioritura, diventa un trionfo di fiori a coppa aperta, grandi, […]

Stachys

 Descrizione Ve ne sono di varie specie, tutte però, sono molto tappezzanti o a cuscino. La maggior parte degli Stachys, presenta delle foglie arrotondate grandi o allungate con un aspetto […]

Dracocephalum

 Descrizione Genere di erbacee di origine alpina che comprende alcune specie molto belle, ma purtroppo per niente conosciute. Per esempio le varietà di Dracocephalum argunense (foto), hanno un portamento cespitoso […]