Leontopodium (Stella alpina)

 Descrizione

Il Leontopodium alpinum (foto), detta anche “Stella alpina” o “Edelweiss”, sono i più conosciuti fiori di montagna che possono essere coltivati anche in bassa quota. Ricordiamo che si tratta di specie protetta e quindi bisogna evitare di raccoglierne non solo i fiori ma anche i semi. Nei vivai specializzati è però possibile reperire la specie il cui materiale di propagazione deriva solo da piante coltivate. È facilmente riconoscibile per l’aspetto cespitoso. Le foglie grigio verdi sono lineari e lanceolate. I fiori, che sbocciano all’inizio dell’estate. sono in effetti delle brattee lanuginose che circondano dei piccoli capolini (i veri fiori), di color bianco o grigio bianco.

  Altre specie e varietà  di Stelle alpine

Leontopodium alpinum ‘Mignon’, con fogliame grigio argenteo tipico della specie e brattee bianche lanuginose, e piccoli capolini giallo pallido. Rispetto alla specie tipo ha portamento più compatto ed una altezza massima di 10-15 cm.
Leontopodium coreanum, specie molto simile alle specie tipo, è la variante coreana delle nostre stelle alpine. Altezza 10-15.
Leontopodium ochroleucum e Leontopodium ochroleucum var. campestre, endemiche della Mongolia.
Leontopodium souliei, specie endemica delle montagne del sud della Cina, simile al Leontopodium alpinum europeo, presenta foglie più lineari e brattee più strette.

 Coltivazione delle Stelle alpine

Inutile dire che sono le piante ideali per il giardino roccioso, essendo amanti dei terreni ghiaiosi e molto ben drenati, neutri o lievemente alcalini, ma possono vegetare bene anche in contenitore. In bassa quota la loro altezza media aumenta, perdendo quell’aspetto compatto con fiori di bassa statura, che è tipico delle piante di montagna. Quindi bisogna anche evitare di stimolare ulteriormente la crescita con prodotti a base di azoto. Irrigare moderatamente nei periodi caldi o asciutti e recidere alla base gli steli sfioriti prima che vadano a “seme”.

 

 

Caratteristiche in breve
Famiglia:
Asteraceae
Fiori:
Brattee lanuginose che circondano dei piccoli capolini (i veri fiori)
Dimensioni:
Irrigazione:
Irrigare periodicamente senza creare ristagni
Concimazione:
Primavera e autunno con concime organico
Foglie:
Lineari e lanceolate, grigio verdi
Esposizione:
Sole
Temperature:
Fino a -30 °C
Terreno:
Fertili o poveri, molto ben drenati, anche sassosi
Potatura:
Solo per eliminare il fogliame e i fiori deperiti
Curiosità:
Schede Correlate

Gazania

 Descrizione Troppo spesso al nord si acquistano piante di Gazania nella convinzione di poterle coltivare come erbacee perenni. In effetti, non si tratta affatto di piante rustiche, quindi dove la […]

Anthemis

 Descrizione Ampio genere di erbacee appartenenti alla famiglia delle Asteraceae, annovera tra le più importanti dal punto di vista ornamentale sicuramente Anthemis tinctoria, Anthemis carpatica, Anthemis punctata e ovviamente tutte […]

Linaria

 Descrizione Genere poco conosciuto ma ricco di sorprese, come la Linaria aeruginea, una specie che ha dato vita ad alcune varietà molto interessanti per il giardino roccioso. Per esempio Linaria aeruginea […]