Giardino arabo-ispanico

La forma stessa degli impianti irrigui delle oasi hanno dato poi origine ai giardini arabo-ispanici. La sua forma è tipica: è recintato, per lasciar fuori il deserto, è formale e livellato affinché l’acqua possa scorrere liberamente nel fossato, che idealizza e rappresenta l’oasi. Nel giardino spagnolo in particolare, il paesaggio circostante entra in qualche modo a farne parte . La Sierra Nevada, le montagne intorno, sono tenute in grande considerazione e sono come messe in cornice tra patii e porticati, saloni e arcate che dovrebbero idealizzare le tende e le palme del deserto. Il giardino spagnolo dell’Alhambra è una metafora in pietra dell’oasi, dell’accampamento nomade e dell’elemento principe del paradiso: l’acqua.
Seppur lontani nel tempo e nello spazio, i giardini spagnoli sono ancora tremendamente attuali. I moderni giardini californiani ma anche molte ideazioni europee prendono spunto proprio da loro con quelle stanze che non finiscono con i muri ma continuano tra i fiori, quei giardini che si prolungano oltre le ampissime case tutte vetri.

Schede Correlate

Giardini terapeutici

La Garden Therapy o giardino terapia (orto terapia per alcuni) nasce come volontà di coinvolgere pazienti con disfunzioni psichiche e fisiche nella cura o coltivazione di piante e ortaggi. I migliori […]

Arte topiaria

Solitamente intendiamo come “arte topiaria” (in una comune e semplificata definizione) la tecnica di potare determinate piante in forme obbligate al fine di ottenere elementi architettonici e ornamentali utili alla […]

Giardini all´italiana

Per capire il giardino rinascimentale bisogna ricercarne le origini nella Grecia antica da cui i romani presero ispirazione. Tornati dalle loro conquiste imitarono ma senza riuscire a costruire uno stile […]