Giardino arabo-ispanico

La forma stessa degli impianti irrigui delle oasi hanno dato poi origine ai giardini arabo-ispanici. La sua forma è tipica: è recintato, per lasciar fuori il deserto, è formale e livellato affinché l’acqua possa scorrere liberamente nel fossato, che idealizza e rappresenta l’oasi. Nel giardino spagnolo in particolare, il paesaggio circostante entra in qualche modo a farne parte . La Sierra Nevada, le montagne intorno, sono tenute in grande considerazione e sono come messe in cornice tra patii e porticati, saloni e arcate che dovrebbero idealizzare le tende e le palme del deserto. Il giardino spagnolo dell’Alhambra è una metafora in pietra dell’oasi, dell’accampamento nomade e dell’elemento principe del paradiso: l’acqua.
Seppur lontani nel tempo e nello spazio, i giardini spagnoli sono ancora tremendamente attuali. I moderni giardini californiani ma anche molte ideazioni europee prendono spunto proprio da loro con quelle stanze che non finiscono con i muri ma continuano tra i fiori, quei giardini che si prolungano oltre le ampissime case tutte vetri.

Schede Correlate

Giardino all’inglese

In Inghilterra giunsero nei secoli, da ovest e da est, varie influenze che furono vagliate fino a confluire in un unico vero stile all’inglese. Fino all’ottocento l’Inghilterra è la patria […]

Giardini pensili

L’esigenza di diffondere gli spazi verdi all’interno delle città, anche là dove in apparenza sembrerebbe impossibile, ha alimentato la ricerca di soluzioni pratiche ed economiche per sopperire innanzitutto alla mancanza […]

Giardini labirinti

Il labirinto è in origine il palazzo cretese di Minosse dove era rinchiuso il Minotauro e da dove Teseo trovò la libertà solo grazie al filo di Arianna. Si tratta […]