Giardini pensili (Tetti verdi)

L’esigenza di diffondere gli spazi verdi all’interno delle città, anche là dove in apparenza sembrerebbe impossibile, ha alimentato la ricerca di soluzioni pratiche ed economiche per sopperire innanzitutto alla mancanza di terreno, quindi all’impermeabilizzazione e al drenaggio dell’acqua.

Si tratta quindi di rendere “coltivabili” aree completamente artificiali, come la superficie dei tetti, le terrazze e le coperture pensili di garage, capannoni, magazzini ecc. I vantaggi sono innumerevoli: innanzitutto aumentare il benessere psicofisico del cittadino, regolare lo scorrimento delle acque piovane, mitigare le temperature dei locali sottostanti (sia massime che minime), quindi limitare l’effetto “isole di calore” tipico delle grandi città, filtrare l’inquinamento atmosferico (abbattimento dell’anidride carbonica) e sonoro, aumento della biodiversità.

La progettazione di un tetto verde o di un giardino pensile non è mai disgiunta da una attenta analisi strutturale per verificare l’effettiva portata della soletta, quindi se può sopportare il sovraccarico della nuova opera. Ogni giardino pensile deve rispettare uno schema di base che implica la protezione della struttura sottostante, cioè una impermeabilizzazione antiradice (si ricorda che solo le membrane per l’impermeabilizzazione con marcatura CE che abbiano superato i test del metodo europeo EN 13948 possono essere utilizzate per questi tipi di giardini) che sostiene uno strato drenante a cui segue uno filtrante che divide il tutto dallo strato superficiale di terra di coltura.

Alcuni progetti prevedono anche l’utilizzo di apposite barriere antivapore e altre termiche che migliorano l’isolamento ed evitano la stagnazione di vapore, con i relativi dissesti sulla stratigrafia del sistema.

Un giardino pensile ben realizzato permette la coltivazione di un’ampia gamma di piante ornamentali, avendo cura di evitare quelle a sviluppo radicale più aggressivo come i bambù, alcune specie di graminacee, arbusti troppo vigorosi e ovviamente alberi ad alto fusto.

Schede Correlate

Giardini all´italiana

Per capire il giardino rinascimentale bisogna ricercarne le origini nella Grecia antica da cui i romani presero ispirazione. Tornati dalle loro conquiste imitarono ma senza riuscire a costruire uno stile […]

Arte topiaria

Solitamente intendiamo come “arte topiaria” (in una comune e semplificata definizione) la tecnica di potare determinate piante in forme obbligate al fine di ottenere elementi architettonici e ornamentali utili alla […]

Giardino francese

Il giardino alla francese trovò la sua massima ispirazione nel seicento. Il momento era propizio per manifestare tutta la potenza e la nobiltà dell’epoca, glorificando la ricchezza e la supremazia […]