Giardini verticali

Per giardino verticale s’intende una parete ricoperta da un insieme di  moduli (di vari fabbricanti) che consentano l’aggrappaggio, l’attecchimento e lo sviluppo di specie vegetali erbacee e arbustive, ornamentali e non, per esempio orticole.

L’insieme dei moduli e quindi della copertura vegetale può così formare un solo e compatto rivestimento dell’intera parete, indipendentemente dall’altezza e dall’ampiezza della medesima. I moduli sono generalmente costituiti da telai in alluminio che trattengono delle “tasche” in tessuto naturale (geostuoia più fibra di cocco per es) o sintetiche, in cui una piccola quantità di substrato permette l’attecchimento delle piante.

La scarsa disponibilità di substrato è spesso compensata da un sistema di fertirrigazione che con l’intervento di dosatori automatici e centraline elettroniche di controllo, riesce a fornire alle piante tutto il nutrimento (fertilizzante) di cui hanno bisogno. L’aggiunta di funghi micorrizici favoriscono altresì lo sviluppo e l’assimilazione radicale.

I giardini verticali hanno avuto tra i primissimi sperimentatori e realizzatori paesaggisti come il francese Patrick Blanc che ha saputo utilizzare il nuovo modo d’intendere il verde cittadino per opere d’indubbio fascino estetico.

Attualmente ai vantaggi estetici si uniscono le capacità dei moduli di “climatizzare” le pareti rivestite, intervenendo così positivamente sui fabbisogni energetici delle abitazioni.

Per le foto si ringrazia Garden Roagna Vivai e Arte Giardino

Schede Correlate

Arte topiaria

Solitamente intendiamo come “arte topiaria” (in una comune e semplificata definizione) la tecnica di potare determinate piante in forme obbligate al fine di ottenere elementi architettonici e ornamentali utili alla […]

Giardino zen – Giardino giapponese

In Giappone nel 13° secolo giunse dalla Cina il buddismo zen. I concetti fondamentali trovarono un facile substrato nello spirito del tempo, ancora presente e vivace nella cultura giapponese. Si […]

Giardino arabo-ispanico

La forma stessa degli impianti irrigui delle oasi hanno dato poi origine ai giardini arabo-ispanici. La sua forma è tipica: è recintato, per lasciar fuori il deserto, è formale e […]