Allium sativum (Aglio)

 Descrizione

Forse la regina delle piante aromatiche, appartiene alla famiglia delle Alliaceae, anche se alcuni botanici lo inseriscono tra le Liliaceae. Quindi uno dei principali ingredienti aromatici della cucina rientra in una miriade di ricette.

Alcune persone lo rifiutano perchè gli risulta indigesto. Si può tentare di evitare l’inconveniente eliminando il germoglio interno. Il problema è da far risalire ai composti solforati che contiene, da cui il termine celtico “All” ovvero bruciante.

E’ facilmente riconoscibile per le lunghe foglie cave e per i bulbi composti da 8-10 spicchi (bulbilli) e i fiori bianchi piccoli, riuniti in ampie infiorescenze ombrelliformi e sopratutto dal caratteristico odore. Si consuma perlopiù fresco o cotto: intero, tritato, frullato, a fettine e perfino spremuto.

Talvolta si può reperire essiccato e in questo caso ne basta meno per apportare il suo inconfondibile aroma. E’ facilmente conservabile in sacchetti di carta, al buio e in luogo fresco.

Caratteristiche in breve
Famiglia:
Alliaceae
Fiori:
Dimensioni:
Irrigazione:
Concimazione:
Foglie:
Esposizione:
Temperature:
Terreno:
Potatura:
Curiosità:
Schede Correlate

Glycyrrhiza glabra

 Descrizione Il nome deriva dal greco Glikòs, cioè radice dolce. Si tratta di una erbacea perenne originaria dell’Europa orientale, ma in Italia è reperibile soprattutto al centro-sud in terreni argillosi […]

Origanum vulgare

 Descrizione Pianta perenne semi legnosa dal portamento compatto con una altezza che raramente supera i 60 cm. Vegeta naturalmente in aree a pascolo o nei prati radi di collina e […]

Petroselinum sativum

 Descrizione Le tante varietà orticole reperibili in commercio sono tutte piante biennali, generalmente alte non più di 40 cm, con foglie dentate o finemente incise e più o meno arricciate […]