Anethum graveolens (Aneto)

 Descrizione

Il nome Anethum graveolens, deriva dal greco e significa “foglie spettinate e profumate”. La pianta assomiglia molto al finocchio, sia nel fogliame sottile e diviso in lacinie, sia nei fiori piccoli, giallastri e riuniti in ombrelle. Lo si distingue però dal profumo, molto più intenso.

Le foglie dell´aneto si tritano per insaporire insalate, antipasti, carni e pesce. I semi, raccolti a maturazione, hanno un aroma inconfondibile e si utilizzano per conserve, sottaceti, funghi e pesce.

Oltre che in cucina lo si utilizza per la salute. Ha infatti proprietà antinfiammatorie, aromatiche, carminative, calmanti, digestive e galattogoghe.

 Coltivazione

L’habitat preferito dall’aneto, sono i prati e gli incolti fino a 700 metri di altezza, su terreni ben esposti al sole, asciutti e caldi. Si riproduce da seme e dove il clima lo permette si preferisce la semina autunnale a quella primaverile. La semina si può fare direttamente in pieno campo oppure in vivaio con successivo trapianto. Il sesto è di 35-40 cm tra le file. Si consigliano un paio di sarchiature. Il prodotto viene trebbiato a fine estate per la raccolta del seme, oppure si raccolgono gli steli con i semi quasi maturi, ponendoli in locali asciutti e ombrosi. Quindi si “battono” per far cadere il seme, quando sono completamente essiccati. Il seme si conserva in vasi di vetro o sacchetti di carta o tela in luogo asciutto e buio.

Caratteristiche in breve
Famiglia:
Apiaceae
Fiori:
Dimensioni:
Irrigazione:
Concimazione:
Foglie:
Esposizione:
Temperature:
Terreno:
Potatura:
Curiosità:
Schede Correlate

Capparis spinosa

 Descrizione Il cappero è una erbacea perenne che caratterizza l’ambiente mediterraneo: su terreni poveri, argillosi e calcarei, anche sui muri e tra gli anfratti rocciosi. Forma cespi di fusti ascendenti […]

Artemisia dracunculus

 Descrizione Si tratta di una composita dal fusto verde alto anche un metro, ramificato e con foglie aromatiche, lineari, lanceolate, verde chiare. I fiori del dragoncello sono piccoli, verdastri e […]

Carum carvi

 Descrizione Il nome deriva dal greco “Karon”, ma più comunemente viene detto anice tedesco, cummel, finocchio selvatico, caravita, cimino ecc. Il suo habitat sono i prati umidi fino a 2000 […]