Angelica archangelica (Angelica)

 Descrizione

L´angelica è una biennale che può raggiungere buone dimensioni, anche due metri di altezza nelle condizioni pedoclimatiche favorevoli. Da giugno ad agosto, durante la fioritura, sviluppa ampie ombrelle che portano minutissimi fiori bianco giallastri, capaci di attirare una miriade di insetti per il forte aroma che emanano.

Si riconosce facilmente per il fusto robusto e nodoso, striato, di color bruno. Le foglie alterne, grandi e tripennate, frastagliate. I fiori sono giallo verdi e riuniti in ampie infiorescenze ad ombrella, in giugno-luglio.

Il nome deriva dal greco e significa “l’annunciatore”, ovvero l’Arcangelo per le sue numerose proprietà. E’ infatti antisettica, digestiva, stimolante, tonica, eupeptica, aperitiva, carminativa.

 Coltivazione

Amano i terreni sciolti e asciutti, fertili, preferibilmente al sole ma sia adattano perfettamente anche alla mezz’ombra. Angelica archangelica, si riproduce partendo dalla semina primaverile in vasetti di piccolo diametro. Quando le piantine avranno raggiunto i 10-15 cm di altezza si effettua il trapianto in piena terra distanziandole almeno 35-50 cm per ottenere piante alte e robuste. Per ottenere una crescita abbondante e veloce della radice si consiglia di rincalzare e irrigare per scorrimento. La raccolta si effettua con l’uso di aratri o robuste vanghe. Dell’angelica si raccolgono i semi e le radici come ingredienti di liquori. Le foglie e i giovani germogli vanno bene nella preparazione di pesci, crostacei e verdure. Gli steli decorticati vanno canditi o per farne marmellate di frutta. Per ottenere i semi: si raccolgono gli steli con i semi quasi maturi, ponendoli in locali asciutti e ombrosi. Quindi si “battono” per far cadere il seme, quando sono completamente essiccati. Il seme si conserva in vasi di vetro o sacchetti di carta o tela in luogo asciutto e buio.

Caratteristiche in breve
Famiglia:
Apiaceae
Fiori:
Dimensioni:
Irrigazione:
Concimazione:
Foglie:
Esposizione:
Temperature:
Terreno:
Potatura:
Curiosità:
Schede Correlate

Tanacetum balsamita

 Descrizione Il suffisso balsamita deriva dal greco e vuol dire fiore d’oro che profuma di balsamo. Si riconosce per il fogliame allungato e largo, lievemente seghettato ai margini, verde chiaro, […]

Crocus sativus

 Descrizione Il nome deriva dal greco Kròcos, ovvero trama di tessuto per la forma degli stimmi. Più comunemente viene utilizzato il nome volgare Zafferano. Si riconosce per le foglie lineari, […]

Rosmarinus officinalis

 Descrizione Forse si tratta della più  conosciuta e utilizzata pianta aromatica. Il rosmarino è un arbusto perenne dall’aspetto vigoroso che raggiunge facilmente i 150-170 cm di altezza. E’ molto ramificato […]