Borago officinalis (Borragine)

 Descrizione

Il nome ha origine dal latino “borra”, ossia dal fogliame e gli steli ruvidi come lana. Si riconosce per il gambo (caule) peloso e pungente, per le foglie ovali, rugose e ispide, verde scuro, e per i fiori stellati e riuniti in infiorescenze apicali, blu scuro da maggio a luglio.

Della borragine si utilizza soprattutto la sommità fiorita e le giovani foglie. Le sommità si essiccano bene all’ombra o al buio in locale molto asciutto e ventilato, le foglie si utilizzano fresche per la preparazione di numerose ricette. Per esempio per la preparazione di minestre, salse, frittate e i famosi “Pansotti alla ligure”.

Ha proprietà emollienti, depurative, espettoranti, sudorifere e diuretiche.

 Coltivazione

La borragine ama i terreni sciolti e asciutti, fertili, preferibilmente al sole. Pianta dal ciclo annuale, veloce e vigorosa. Si semina in autunno o primavera (preferibile) in file distanti 40-50 cm posando un seme ogni 10-15 cm. Il terreno deve essere fertile (buona concimazione di fondo con letame), di medio impasto e sciolto. Ricordarsi di non far mancare una corretta irrigazione, così come regolari concimazioni con fertilizzante organico o minerale a lenta cessione in autunno o primavera. La raccolta delle sommità fiorite si effettua in piena fioritura in aprile-maggio, manualmente. Il prodotto si mette in essiccatore o su telai in un luogo molto aerato e asciutto, all’ombra. Si conserva in vasi di vetro o sacchetti di carta o tela in luogo asciutto e buio. L’essiccazione non è delle più veloci. La specie ha un ottimo utilizzo come nettarifera.

Caratteristiche in breve
Famiglia:
Borraginaceae
Fiori:
Dimensioni:
Irrigazione:
Concimazione:
Foglie:
Esposizione:
Temperature:
Terreno:
Potatura:
Curiosità:
Schede Correlate

Allium cepa

 Descrizione Il profumo caratteristico ha reso questo ortaggio il più importante condimento in tutte le colture del mondo. Il loro uso era ben conosciuto anche nell’antichità: vi sono pitture raffiguranti […]

Lippia citriodora

 Descrizione Sono molti i nomi popolari della Lippia citriodora, (Verbena odorosa, Cedrina, Erba Luigia, Limonaria), con cui è identificata questa pianta e a quanto pare, ogni regione d’Italia ne ha […]

Allium sativum

 Descrizione Forse la regina delle piante aromatiche, appartiene alla famiglia delle Alliaceae, anche se alcuni botanici lo inseriscono tra le Liliaceae. Quindi uno dei principali ingredienti aromatici della cucina rientra […]