Anthriscus cerefolium (Cerfoglio)

 Descrizione

Il nome deriva dal greco Keras ovvero corno, per la forma particolare delle foglie. È una erbacea a ciclo annuale, molto apprezzata in cucina per la preparazione di minestre, zuppe, insalate, frittate, funghi, lumache, pesce ecc.

Spesso il cerfoglio è un valido sostituto del prezzemolo a cui assomiglia anche morfologicamente.

Lo si riconosce per il fusto eretto, alto anche 50-60 cm, piuttosto nodoso e ramificato alla base. Le foglie sono bipennatosette, alterne, verde chiaro e brillanti. I fiori, bianchi, sono piccoli e riuniti in ombrelle.

Il suo impiego erboristico è limitato, ma comunque ha proprietà: aperitive, depurative, diuretiche, galattofughe, stimolanti e digestive. Talvolta viene utilizzato come succo fresco per stimolare la tonicità della pelle.

 Coltivazione

Originario dell’Asia, l´habitat preferito dal Cerfoglio, sono i prati fino a 800 metri di altezza.

Si semina in primavera o si dividono i cespi. Quando la plantula raggiunge i 3/5 cm di altezza è pronta per il trapianto (aprile) che deve avvenire in pieno campo distanziandole di 20-30 cm sulla fila e 40 tra le file.

Ricordarsi di non far mancare una corretta irrigazione, così come regolari concimazioni con fertilizzante organico o minerale a lenta cessione in autunno o primavera.

La raccolta delle foglie verdi e delle sommità si fa manualmente da maggio a settembre. Si utilizzano quasi esclusivamente fresche.

Caratteristiche in breve
Famiglia:
Apiaceae
Fiori:
Dimensioni:
Irrigazione:
Concimazione:
Foglie:
Esposizione:
Temperature:
Terreno:
Potatura:
Curiosità:
Schede Correlate

Artemisia absinthium

 Descrizione Pianta erbacea perenne, l´assenzio si riconosce per le foglie profondamente incise, tomentose, cineree, con riflessi argentati. I fiori sono piccoli, gialli e riuniti in infiorescenze rade, sbocciano in estate. […]

Myrtus communis

 Descrizione Arbusto cespuglioso il cui nome deriva dalla parola greca Myrsine, un’indomabile giovane donna abile nella ginnastica e trasformata dagli Dei in albero. Albero sacro dedicato a Venere che incoronava […]

Coriandrum sativum

 Descrizione Il nome deriva dal greco “Koris”, ovvero cimice, per l’intenso odore (per alcuni sgradevole) di cimice dei suoi frutti e delle foglie. Volgarmente viene detto erba cimicina. Spesso lo […]