Anthriscus cerefolium (Cerfoglio)

 Descrizione

Il nome deriva dal greco Keras ovvero corno, per la forma particolare delle foglie. È una erbacea a ciclo annuale, molto apprezzata in cucina per la preparazione di minestre, zuppe, insalate, frittate, funghi, lumache, pesce ecc.

Spesso il cerfoglio è un valido sostituto del prezzemolo a cui assomiglia anche morfologicamente.

Lo si riconosce per il fusto eretto, alto anche 50-60 cm, piuttosto nodoso e ramificato alla base. Le foglie sono bipennatosette, alterne, verde chiaro e brillanti. I fiori, bianchi, sono piccoli e riuniti in ombrelle.

Il suo impiego erboristico è limitato, ma comunque ha proprietà: aperitive, depurative, diuretiche, galattofughe, stimolanti e digestive. Talvolta viene utilizzato come succo fresco per stimolare la tonicità della pelle.

 Coltivazione

Originario dell’Asia, l´habitat preferito dal Cerfoglio, sono i prati fino a 800 metri di altezza.

Si semina in primavera o si dividono i cespi. Quando la plantula raggiunge i 3/5 cm di altezza è pronta per il trapianto (aprile) che deve avvenire in pieno campo distanziandole di 20-30 cm sulla fila e 40 tra le file.

Ricordarsi di non far mancare una corretta irrigazione, così come regolari concimazioni con fertilizzante organico o minerale a lenta cessione in autunno o primavera.

La raccolta delle foglie verdi e delle sommità si fa manualmente da maggio a settembre. Si utilizzano quasi esclusivamente fresche.

Caratteristiche in breve
Famiglia:
Apiaceae
Fiori:
Dimensioni:
Irrigazione:
Concimazione:
Foglie:
Esposizione:
Temperature:
Terreno:
Potatura:
Curiosità:
Schede Correlate

Anthriscus cerefolium

 Descrizione Il nome deriva dal greco Keras ovvero corno, per la forma particolare delle foglie. È una erbacea a ciclo annuale, molto apprezzata in cucina per la preparazione di minestre, […]

Allium schoenoprasum

 Descrizione Pianta robusta con poche esigenze, resiste bene nei climi freddi del Nord e si riconosce facilmente per le foglie numerose sottili e cilindriche, che ricrescono dopo il taglio. I […]

Crocus sativus

 Descrizione Il nome deriva dal greco Kròcos, ovvero trama di tessuto per la forma degli stimmi. Più comunemente viene utilizzato il nome volgare Zafferano. Si riconosce per le foglie lineari, […]