Armoracia rusticana (Rafano o Cren)

 Descrizione

Il rafano conosciuto anche come cren, si riconosce per il fusto eretto e cavo, per le foglie grandi con picciolo breve e per i fiori piccoli a quattro petali. Però la caratteristica meno evidente rimane la radice, grossa e carnosa, da cui il nome latino “armoracia” ovvero grosso ravanello dal gusto forte.

È una delle erbe aromatiche fin dall’antichità più utilizzate per insaporire carni o pesce. Ottima se unita alla maionese. Il gusto è forte, spiccatamente piccante, ricorda la mostarda. Non bisogna abusarne perché può provocare irritazioni all’apparato digerente.

Si sviluppa velocemente quindi per una famiglia, nel giardino degli aromi, sono sufficienti due o tre piante.

 Coltivazione

Il rafano, si riproduce utilizzando pezzi di radice, da seme si ottengono risultati scadenti. Vegeta bene in terreni fertili e anche un po’ umidi, per esempio vicino a fossati o laghetti. Ricordarsi di non far mancare una corretta irrigazione, così come regolari concimazioni con fertilizzante organico o minerale a lenta cessione in autunno o primavera. La raccolta del rafano, inizia a fine estate quando le radici sono ben sviluppate. Meglio consumarle fresche grattugiate sulle pietanze, oppure essiccandole in forno o al sole. Ha proprietà antianemiche, antireumatiche, calmanti, depurative, digestive, diuretiche, espettoranti e stimolanti.

Caratteristiche in breve
Famiglia:
Brassicaceae
Fiori:
Dimensioni:
Irrigazione:
Concimazione:
Foglie:
Esposizione:
Temperature:
Terreno:
Potatura:
Curiosità:
Schede Correlate

Allium schoenoprasum

 Descrizione Pianta robusta con poche esigenze, resiste bene nei climi freddi del Nord e si riconosce facilmente per le foglie numerose sottili e cilindriche, che ricrescono dopo il taglio. I […]

Coriandrum sativum

 Descrizione Il nome deriva dal greco “Koris”, ovvero cimice, per l’intenso odore (per alcuni sgradevole) di cimice dei suoi frutti e delle foglie. Volgarmente viene detto erba cimicina. Spesso lo […]

Crocus sativus

 Descrizione Il nome deriva dal greco Kròcos, ovvero trama di tessuto per la forma degli stimmi. Più comunemente viene utilizzato il nome volgare Zafferano. Si riconosce per le foglie lineari, […]