Triphyophyllum

 Descrizione

La Triphyophyllum peltatum è l´unica specie vivente del genere triphyophyllum appartenente alla famiglia delle Dioncophyllaceae. Originaria della foresta pluviale occidentale africana e più precisamente della Liberia, Costa d´Avorio, Guinea e Sierra Leone. Il suo ciclo di vita è molto particolare e si suddivide in tre momenti diversi di crescita; le foglie del primo stadio sono molto semplici e lanceolate e il suo aspetto non è molto definibile e l´aspetto a rosetta rimane a lungo a caratterizzare questa pianta. In seguito alla fioritura, che non sempre avviene, la pianta entra nel secondo stadio, dove diventa una pianta carnivora, con un aspetto più definito; le foglie della Triphyophyllum si allungano e si ricoprono di una sostanza collosa unitamente alla produzione di enzimi atti a digerire le prede. Al termine della fioritura le estremità delle foglie si biforcano in due uncini e in quest´ultimo stadio la Triphyophyllum inizia a diventare una pianta rampicante trasformandosi in liana con lunghezze che possono raggiungere i settanta metri. Questa caratteristica la classifica nella famiglia delle Dioncophyllaceae, che significa appunto “con le foglie a doppio uncino”. I fiori riuniti in pannocchie sono bianchi o rosa pallido, mentre i semi hanno un diametro che va dai cinque ai dodici centimetri. Una cosa curiosa è che il frutto espone all´aria i semi ancora immaturi; si presuppone che sia un adattamento della pianta per alleggerire il peso di questi grossi semi, in modo da essere più facilmente dispersi dal vento.

 Coltivazione

Pianta a rischio di estinzione nel suo habitat naturale e di difficile reperibilità in commercio.

Caratteristiche in breve
Famiglia:
Dioncophyllaceae
Fiori:
Riuniti in pannocchie sono bianchi o rosa pallido
Dimensioni:
Al termine della fioritura nel secondo stadio di vita, diventa una liana che può raggiungere i 70 metri di lunghezza
Irrigazione:
Concimazione:
Foglie:
Esposizione:
Temperature:
Terreno:
Potatura:
Curiosità:
È una pianta carnivora solo nel secondo stadio della sua vita
Schede Correlate

Ibicella lutea

 Descrizione La Ibicella lutea non è una vera e propria pianta carnivora ma protocarnivora, dato che non produce enzimi atti a digerire gli insetti catturati. Nonostante ciò la pianta nella […]

Utricularia

 Descrizione Le Utricularie sono il genere di piante carnivore più numeroso con circa 215 specie catalogate e appartengono alla famiglia delle Lentibulariaceae. Sono diffuse in tutto il mondo e la […]

Cephalotus follicularis

 Descrizione La cephalotus follicularis è una pianta carnivora appartenente alla famiglia delle Cephalotaceae ed è anche l´unico rappresentante del genere Cephalotus. Alta al massimo 20 cm, presenta sia foglie carnivore […]