Anthurium

 Descrizione

Questa spettacolare erbacea perenne esotica appartenente alla famiglia delle Araceae è una delle piante più utilizzate per la produzione di fiore reciso. Però bisogna distinguere quello che in effetti è una infiorescenza formata da uno spadice sottile e allungato che si erge nel mezzo di una spata allargata, ovvero una foglia trasformata, generalmente di color rosso, ma anche rosa, bianca o semplicemente verde.

Le foglie dell´Anthurium sono a forma di cuore, grandi e lucide. Il vantaggio del fiore reciso rispetto a molti altri è la durata del medesimo, e se ben coltivata presenta tutta la pianta molto decorativa e adatta a vivere in appartamento, meglio se lontano dal sole diretto.

Sono reperibili nei vivai e nei garden center numerose varietà, anche dal portamento compatto che producono numerosi e piccoli fiori. L’origine degli Anthurium è tropicale e subtropicale dell’America centrale e meridionale.

 Principali specie

Anthurium andreanum, originaria della Colombia, presenta foglie cuoriformi di color verde scuro e spate, lunghe circa 10 cm, di color bianco o rosso.
Anthurium crenatum, presenta lunghe foglie, lucide ed ondulate e fiori di color verde-viola.

 Coltivazione

Come abbiamo visto è meglio coltivare gli Anthurium in posizioni protette dal sole diretto. Amano il caldo è una certa umidità dell’aria, evitare quindi di porle accanto ai termosifoni, e lungo correnti d’aria. Le temperature ideali sono 18-20 °C, senza scendere sotto i 10-12 °C perché la crescita ne verrebbe fortemente rallentata. Un periodo di almeno 5-6 settimane intorno a 12 °C durante la notte, favorisce però la fioritura.

Amano i terreni fertili e torbosi, con un apporto di strame fogliare (faggio per es) e compost ben maturo. Irrigare di frequente evitando i ristagni idrici, perchè l’acqua è molto importante per mantenere gli Anthurium rigogliosi e fioriferi. Una o due nebulizzazioni settimanali sono sempre gradite, avendo cura di farlo con la presenza dei fiori.

Fertilizzare almeno in primavera e autunno con concime organico e durante l’estate con apporti minimi ma regolari di un buon fertilizzante minerale.

Controllare almeno una volta all’anno la crescita radicale ed eventualmente provvedere ad un rinvaso aumentano la dimensione di un paio di misure (per es da 15 cm di diametro a 18 cm).

Non necessitano di potature ma solo l’eliminazione di fiori e foglie appassite e deperite.

 

 

Caratteristiche in breve
Famiglia:
Araceae
Fiori:
Spadice sottile e allungato che si erge nel mezzo di una spata allargata, ovvero una foglia trasformata
Dimensioni:
Non superano i 100-120 cm
Irrigazione:
Irrigare spesso, soprattutto in estate
Concimazione:
Primavera e autunno con concime organico, integrare nel periodo caldo con poco concime minerale
Foglie:
A forma di cuore, grandi e lucide
Esposizione:
Sole o mezz'ombra
Temperature:
D'inverno non scendere sotto i 18-20 °C
Terreno:
Fertile, non argilloso e ricco di humus
Potatura:
Solo per eliminare il fogliame e i fiori deperiti
Curiosità:
Schede Correlate

Anthurium

 Descrizione Questa spettacolare erbacea perenne esotica appartenente alla famiglia delle Araceae è una delle piante più utilizzate per la produzione di fiore reciso. Però bisogna distinguere quello che in effetti […]

Kentia

 Descrizione È la pianta da appartamento tipica e immancabile nelle case liberty, poi lasciata quasi cadere in oblio, quindi attualmente riconsiderata per gli spazi ampi e i saloni, anche in […]

Cyclamen

 Descrizione Questa scheda è riferita ai cosiddetti ciclamini da interno, cioè tutte le varietà meno rustiche che possono vegetare solo se coltivate a temperature invernali superiori a 10-13 °C. I […]