Asparagus (Asparagina)

 Descrizione

Erbacee perenni appartenenti alla famiglia delle Asparagaceae, coltivate per il fogliame decorativo. Le foglie sono in effetti dei fusti sottili ed arcuati, verdi, molto fitti e ramificati cha assomigliano a certe felci, mentre le vere foglie sono piccole e a forma di scaglie o spine. I fiori anch’essi insignificanti non rappresentano l’attrattiva principale. A questi seguono piccole bacche rosse e nere. Le specie principali sono Asparagus plumosus, del Sud Africa, che viene coltivata come pianta cespugliosa ma da adulta tende a divenire rampicante. È utilizzata come fronda da reciso di indubbio fascino (h 200-300 cm). La seconda per importanza è Asparagus sprengeri, forse la più coltivata negli appartamenti per la sua facilità. Ricordarsi per questa specie di evitare d’inverno il caldo eccessivo, meglio riporla quindi in ambienti luminosi e freschi come scale, androni e verande vetrate. Ha un portamento decisamente ricadente e può svilupparsi fino a 160-180 cm di lunghezza.

Coltivazione

Gli Asparagus desiderano terreni fertili con una parte di strame fogliare e compost, anche lievemente argilloso, ma ben drenato. La mezz’ombra è la situazione migliore, lontano dal sole diretto e dal caldo eccessivo. Irrigare di frequente, soprattutto in estate, d’inverno evitando però gli eccessi che provocano facili marciumi radicali. In primavera e autunno fertilizzare con un buon concime organico o compost maturo. Nel caso le piante manifestassero ingiallimenti o un generale deperimento si consiglia di recidere buona parte della vegetazione, quindi inumidire di frequente e concimare con un po’ di fertilizzante minerale. L’acqua per l’irrigazione è meglio sia lasciata “decantare” un paio di giorni a perdere parte del cloro.

Caratteristiche in breve
Famiglia:
Asparagaceae
Fiori:
Piccoli e insignificanti
Dimensioni:
Non superano i 200 cm
Irrigazione:
Irrigare spesso, soprattutto in estate
Concimazione:
Primavera e autunno con concime organico, integrare nel periodo caldo con poco concime minerale
Foglie:
Piccole e a forma di scaglie o spine
Esposizione:
Sole o mezz'ombra, al riparo dai freddi
Temperature:
Evitare il freddo eccessivo, d'inverno non scendere sotto gli 0 °C
Terreno:
Fertile, di medio impasto, ben drenato
Potatura:
Solo per eliminare rami rotti o danneggiati
Curiosità:
Schede Correlate

Kalanchoe

 Descrizione Le Kalanchoe sono perenni sempreverdi con fogliame carnoso e un po’ frastagliato, l’ideale per poter godere di lunghe fioriture, abbastanza appariscenti se coltivate in gruppi numerosi. Infatti i fiori, […]

Dracaena

 Descrizione Questi arbusti o alberi appartengono ad una delle più vaste famiglie botaniche, le Asparagaceae. Quindi parenti alla lontana di tulipani, Lilium, Sansevieria e Muscari. In particolare le Dracaena sono […]

Portulaca

 Descrizione Ampio genere di erbacee succulente appartenenti alla famiglia delle Portulacaceae, originarie del Brasile, Uruguay e Argentina. Sono facilmente riconoscibili per le foglie carnose, cilindriche o oblunghe, verde scuro e […]