Allium sativum (Aglio)

 Descrizione

L´aglio, appartiene alla famiglia delle Alliaceae, ma molti lo considerano facente parte di quella delle Liliaceae. Considerato da molti il Re della cucina, è in effetti un ingrediente irrinunciabile per una moltitudine di ricette. Molti individui però lo rifiutano in toto perché spesso risulta indigesto. Un metodo per evitare questo inconveniente è quello di eliminarne il germoglio interno. Tutto è da attribuire ai composti solforati che contiene, da cui il termine “allium” proveniente dal celtico “All” ovvero caldo o che scotta o bruciante.

Si riconosce facilmente per le lunghe foglie vuote, per i bulbi composti da 8-10 spicchi (bulbilli) e i fiori bianchi piccoli ma riuniti in infiorescenze a ombrella…e ovviamente dall’odore (profumo?).

 Coltivazione

Per la coltivazione dell´Allium sativum si consiglia terreno fertile ma assolutamente non umido, nel qual caso si formano delle prode rialzate che permettano al terreno una rapida asciugatura. I bulbi migliori si ottengono in terreni sabbiosi e soleggiati.

La coltivazione si effettua mettendo a dimora i bulbilli: in autunno (novembre) le varietà di aglio bianco e a fine inverno (febbraio-marzo) quelle di aglio rosa. Il sesto d’impianto è di 10-15 cm sulla fila e 30-40 tra le file. La preparazione del terreno prevede una buona letamazione o una concimazione di fondo con composto organico pellettato.

La raccolta si effettua nei mesi di luglio-agosto, quando il fogliame è secco, formando lunghe trecce da appendere in locali asciutti e bui.

Per quanto riguarda la rotazione, la coltivazione dell´aglio non deve seguire gli ortaggi appartenenti alla famiglia delle Alliaceae, mais, patate, bietole e cavoli.

La consociazione, anche se sconsigliata, può essere effettuata con lattuga, finocchi, spinaci e ravanelli.

Caratteristiche in breve
Famiglia:
Alliaceae
Fiori:
Piccoli, bianchi con infiorescenze a ombrella
Dimensioni:
Altezza 60-80
Irrigazione:
Solo in assenza di pioggia
Concimazione:
Generosa in fase di preparazione del terreno
Foglie:
Lunghe e vuote
Esposizione:
Pieno sole
Temperature:
Ideale 15-25 °C
Terreno:
Fertile, sabbioso e non umido
Potatura:
Curiosità:
Schede Correlate

Phaseolus

 Descrizione Il nome latino del genere è Phaseolus e appartiene alla famiglia delle Papilionaceae. Il nome Phaseolus deriva dal latino e vuol dire “barca”, probabilmente per la forma dei baccelli. […]

Eruca sativa

 Descrizione La Eruca sativa è una erbacea annuale appartenente alla famiglia delle Brassicaceae. In natura cresce nei luoghi incolti, in terreni sassosi o tra le macerie, fino a 1000 metri […]

Brassica oleracea

 Descrizione Ortaggio tra i più coltivati e conosciuti in tutto il mondo, appartenente alla famiglia delle Brassicaceae, genere oleracea. Alla specie generica Brassica oleracea appartengono le principali sottospecie quali: sott. […]