Foeniculum vulgare (Finocchio)

 Descrizione

Foeniculum vulgare è una pianta erbacea perenne appartenente alla famiglia delle Apiaceae, si riconosce facilmente per le foglie verdi bluastre, grandi, molte volte suddivise in lacinie filiformi. Le foglie alla base sono riunite in un grumolo carnoso, ben aderenti le une sulle altre, ovvero la parte edule della pianta. I fiori sono larghe ombrelle formate da molti piccoli fiori gialli a 5 petali. Tutta la pianta è molto profumata, ma soprattutto i semi, spesso impiegati per uso erboristico. Il Nome Foeniculum deriva dal latino “fieno”, forse per la somiglianza della pianta secca con il fieno. Dalla specie selvatica le generazioni di ortolani hanno selezionato innumerevoli varietà che si differenziano per la dimensione, l’epoca di maturazione, il gusto, la resistenza al freddo ecc. In genere si tratta sempre di un ortaggio rinfrescante e molto apprezzato e impiegato in una moltitudine di ricette.

 Coltivazione

Il finocchio desidera terreni fertili e profondi, ben soleggiati, quindi le lavorazioni quali la vangatura o aratura e la concimazione devono avvenire per tempo. La coltura dei finocchi si esegue essenzialmente trapiantando nell’orto le piantine già formate e prodotte dalle aziende di piantevivai.com nel periodo primaverile. La tecnica più utilizzata è quella di formare dei solchi distanziati di 40-50 cm, quindi si bagna il fondo e si dispongono le piantine di Foeniculum vulgare ogni 20-25 cm. Durante la crescita si sarchia il terreno tenendolo pulito dalle erbacce e quando i grumoli si avviano a maturazione si rincalzano favorendone l’imbianchimento. Teme i freddi intensi, quindi si consiglia di effettuare la raccolta prima dell’arrivo dei geli. Per quel che riguarda la rotazione, nella coltivazione dei finocchi, si sconsiglia di effettuarla con gli ortaggi della stessa famiglia (Apiaceae). La consociazione è consigliata con scarole, endivie, cipolle, cavoli, lattughe e spinaci.

Caratteristiche in breve
Famiglia:
Apiaceae
Fiori:
Gialle ombrelle a 5 petali
Dimensioni:
Altezza 60-80 cm
Irrigazione:
Leggera ma frequente
Concimazione:
Non necessaria in terreni ricchi
Foglie:
Sono la parte commestibile della pianta
Esposizione:
Pieno sole
Temperature:
Teme il freddo intenso e le gelate
Terreno:
Di medio impasto, fertile e profondo
Potatura:
Curiosità:
I semi di finocchio sono indicati per la preparazione di infusi e tisane
Schede Correlate

Cucurbita maxima

 Descrizione Cucurbita maxima è una pianta erbacea annua appartenente alla famiglia delle Cucurbitaceae. È facilmente riconoscibile per i fusti prostrati, cavi e con internodi ispidi. All’ascella delle foglie si sviluppano […]

Phaseolus

 Descrizione Il nome latino del genere è Phaseolus e appartiene alla famiglia delle Papilionaceae. Il nome Phaseolus deriva dal latino e vuol dire “barca”, probabilmente per la forma dei baccelli. […]

Lactuca

 Descrizione A questo genere appartengono circa 100 specie ma la più importante è Lactuca sativa. E’ una erbacea annuale della famiglia delle Asteraceae, il cui nome Lactuca deriva dal latino […]