Spinacia oleracea (Spinacio)

Lo Spinacia oleracea è una pianta
erbacea annua appartenente alla famiglia delle Chenopodiaceae. Si
riconosce facilmente per le foglie basali picciolate, triangolari,
verdi scuro e carnose. Se lasciato crescere liberamente sviluppa un
fusto eretto alto circa 80 cm con fiori maschili raccolti in spighe
terminali e fiori femminili all’ascella delle foglie raccolti in
glomeruli verdognoli. Spinacio pare derivi dal latino “spinaâ€?
perché il frutto presenta piccoli cornetti spinescenti. L’origine
è persiana e giunse in Europa (Spagna) accompagnato dagli arabi.
Alcuni quindi ipotizzano che il nome “spinacioâ€? non sia altro che
la traduzione del nome arabo “esbanàchâ€?. Attualmente è uno
degli ortaggi più conosciuti ed apprezzati e fa parte di una
moltitudine di ricette in ogni cucina del globo. Gli spinaci si
suddividono in tre categorie: estivi, invernali e perenni, questi
ultimi poco conosciuti in Italia.

Caratteristiche in breve
Famiglia:
Chenopodiaceae
Fiori:
Maschili e femminili
Dimensioni:
Se lasciato andara ad infiorescenza raggiunge gli 80 cm in altezza
Irrigazione:
Frequente in caso di mancanza di pioggia
Concimazione:
Sopratutto azoto, ma anche fosforo, potassio e microelementi
Foglie:
Color verde scuro, tondeggianti e carnose
Esposizione:
Pieno sole
Temperature:
Molto resistente al freddo
Terreno:
Sciolto e fertile
Potatura:
Curiosità:

 

Schede Correlate

Pisum sativum

Questa erbacea annuale appartiene alla famiglia delle Papilionaceae. Originario dell’Asia sud-occidentale è una delle leguminose più coltivate e apprezzate, sia per il consumo fresco che come granella essiccata. E’ anche […]

Spinacia oleracea

Lo Spinacia oleracea è una pianta erbacea annua appartenente alla famiglia delle Chenopodiaceae. Si riconosce facilmente per le foglie basali picciolate, triangolari, verdi scuro e carnose. Se lasciato crescere liberamente […]

Eruca sativa

 Descrizione La Eruca sativa è una erbacea annuale appartenente alla famiglia delle Brassicaceae. In natura cresce nei luoghi incolti, in terreni sassosi o tra le macerie, fino a 1000 metri […]