Ariocarpus

 Descrizione

Genere di piante grasse succulenti endemiche del Messico, appartengono alla famiglia delle Cactaceae. Molto lente nella crescita, presentano un apparato radicale robustissimo e molto sviluppato; i tubercoli disposti a rosetta sono privi di spine,duri e di color grigio-verde; generalmente sono piatti e questo tipo di conformazione li fanno sembrare delle foglie.

I fiori che spuntano dal centro della rosetta in primavera assumo sfumature di colore che vanno dal bianco al porpora a seconda delle specie e varietà. La specie più nota di questo genere è l´Ariocarpus fissuratus; di crescita molto lenta e molto rara anche nel suo habitat naturale: Messico e Sud degli Stati Uniti. Molto difficili da individuare quando non sono fioriti, li si riesce a scorgere quando compare dal centro della rosetta l´infiorescenza di color rosa pallido. L´Ariocarpus fissuratus viene anche chiamato “falso Peyote” dai nativi americani, grazie alle piccole dosi di sostanze allucinogene in esso contenute anche se non contiene mescalina come il Peyote.

  Altre specie e varietà

Ariocarpus agavoides, con fiori estivi rosa intenso e foglie appuntite, piatte sulla parte superiore, leggermente arrotondate in quella inferiore. Molto raramente produce spine.
Ariocarpus kotschoubeyanus, con fusto molto corto, addirittura a volte completamente interrato, produce tubercoli grigio-verdi, triangolari, disposti a spirale e produce fiori dal rosa al porpora. Di crescita molto lenta, ha bisogno di molto terreno a disposizione per dar modo alla grossa e carnosa radice di crescere.
Ariocarpus kotschoubeyanus var. albiflorus, simile alla precedente ma con fiori bianchi.
Ariocarpus retusus, con tubercoli di 1,5-2 cm di lunghezza, grigio-verdastri e a sviluppo divergente, produce uno o più fiori, con lunghi e stretti petali bianchi.
Ariocarpus scapharostrus, con tubercoli grigio-verdastri, spessi, lunghi 4-5 cm e fiori estivi color porpora, con stami gialli, che sbocciano al centro della pianta. Sovente è presente fra i tubercoli una folta lanugine biancastra.
Ariocarpus trigonus, con tubercoli triangolari dalla estremità  appuntita, produce fiori gialli estivi che sbocciano all´ascella dei tubercoli.

 Coltivazione

A causa della sua lentissima crescita, le Ariocarpus di solito vengono innestato in altre piante per raggiungere in un più breve tempo l´età adulta. Questo genere gradisce il pieno sole, anche se è meglio ombreggiarle leggermente nelle ore più calde del periodo estivo.

L´innaffiatura dovrà essere moderata in primavera, estate ed autunno e completamente sospesa in inverno, quando la pianta dovrà essere ricoverata in un ambiente riparato dal freddo in prossimità di temperature inferiori ai 10 °C.

Per quanto riguarda il terreno, si potrà impiegare del buon terriccio tipo torba, misto a sabbia ed altro materiale per aumentare la granulometria e favorire in questo modo il drenaggio.

Caratteristiche in breve
Famiglia:
Cactaceae
Fiori:
Dal bianco al porpora, secondo le specie e varietà
Dimensioni:
Irrigazione:
Moderata in primavera, estate ed autunno e completamente sospesa in inverno
Concimazione:
Foglie:
Tubercoli disposti a rosetta, duri, color grigio-verde
Esposizione:
Pieno sole
Temperature:
Minima 10°C
Terreno:
Torba, misto a sabbia ed altro materiale per aumentare la granulometria
Potatura:
Curiosità:
L' Ariocarpus fissuratus viene anche chiamato “falso Peyoteâ€? dai nativi americani
Schede Correlate

Sempervivum

 Descrizione Aumentano di anno in anno, i collezionisti di queste affascinanti Crassulaceae, per la generale facilità di coltivazione e riproduzione, ma anche per l’infinito numero di varietà e le innumerevoli […]

Myrtillocactus geometrizans

 Descrizione Originario del Messico, il Myrtillocactus geometrizans, ha portamento colonnare, con fusto verde-bluastro, che risulta ricoperto di pruina negli esemplari giovani. Mentre allo stato selvatico tende a ramificare a partire […]

Neobuxbaumia polylopha

 Descrizione Originaria del Messico centrale, la Neobuxbaumia polylopha, presenta un fusto colonnare verde chiaro, che assume una tonalità grigiastra sulle parti vecchie della pianta. Il numero delle costolature varia in […]