Gasteria verrucosa

 Descrizione

Botanicamente classificata come Gasteria carinata var. verrucosa, è conosciuta universalmente molto più semplicemente come Gasteria verrucosa.

Si presenta con foglie verde scuro o verdi-grigiastre, opposte, lunghe 10-15 cm e larghe circa 2 cm. Rigide e carnose, presentano su tutta la superficie numerosi tubercoli biancastri che la rendono ruvida al tatto.

Abbastanza difficile la fioritura negli esemplari coltivati, ma quando succede, produce fiori rossi su una infiorescenza che si erge 12-15 cm al di sopra della rosetta.

Per la foto si ringrazia il vivaio Florservice di Verbania

 Coltivazione

Se coltivata all´esterno è meglio ricoverarla in ambiente riparato, quando la temperatura si approssima ai 6-8 °C. L´esposizione ideale sarà in mezz´ombra, avendo cura di filtrare i raggi diretti del sole, onde evitare scottature alle delicate foglie.

La Gasteria verrucosa andrà annaffiata una volta al mese nel periodo vegetativo e la si potrà lasciare completamente all´asciutto durante l´inverno; basse temperature e umidità porterebbero sicuramente ad un inevitabile marciume radicale.

Il terreno dovrà essere ricco di sostanze nutritive, soffice e ben drenato, per scongiurare pericolosi ristagni d´acqua.

Nel periodo vegetativo, somministrare assieme all´acqua dell´annaffiatura, del concime specifico per piante grasse.

Caratteristiche in breve
Famiglia:
Asphodelaceae
Fiori:
Molto rari negli esemplari coltivati
Dimensioni:
Altezza massima 8-10 cm
Irrigazione:
Da scarse ad assenti, secondo la stagione
Concimazione:
Concime specifico per piante grasse
Foglie:
Opposte, rigide e carnose
Esposizione:
Mezz'ombra
Temperature:
Minima 6-8 °C
Terreno:
Soffice e ben drenato
Potatura:
Curiosità:
Schede Correlate

Astrophytum

Descrizione Genere di piante grasse succulenti endemiche del Messico Settentrionale e del Texas, le Astrophytum appartengono alla famiglia delle Cactaceae. Il nome deriva dal greco aster (stella) e phyton (pianta), […]

Pachyphytum

 Descrizione Genere di piante grasse poco numeroso, appartengono alla famiglia delle Crassulaceae, e sono originarie del Messico. Imparentate con le piante del genere Echeveria, si differenziano per la forma delle […]

Echinopsis subdenudata

 Descrizione Originaria della Bolivia e del Paraguay, la Echinopsis subdenudata, presenta un fusto da globoso ad allungato, alto da adulto una trentina di centimetri. Le costolature sono generalmente una decina […]