Kalanchoe daigremontiana

 Descrizione

Dal portamento eretto, sviluppa fusti, che a partire dalla base, diventano legnosi con il passare del tempo. Le succulenti e carnose foglie, sono allungate, dentate ai margini e di color verde scuro con sfumature rosso-bronzo.

Proprio sui margini tra un dente e l´altro, la Kalanchoe daigremontiana, produce dei germogli che cadendo a terra, attecchiscono, dando vita a nuove piantine. La fioritura, molto rara negli esemplari coltivati, avviene solamente in esemplari adulti e molto forti. Ad ogni modo, quando ciò accade, i fiori prodotti vanno dal grigio-rosa al rosa-porpora; tubulari e lunghi un paio di centimetri. Con l´età può raggiungere gli 80-100 cm di altezza.

Per la foto si ringrazia il vivaio Florservice di Verbania

 Coltivazione

Ideale pianta da appartamento, la Kalanchoe daigremontiana, soffre già a temperature inferiori ai 10-12 °C ed è amante della luce, ma non della luce diretta del sole, quindi dietro una tenda con i raggi del sole filtrati, andrà benissimo.

Le annaffiature estive, potranno essere anche abbondanti, avendo cura di effettuarle solo a terreno completamente asciutto già da qualche giorno. In inverno gradisce essere posta a dimora in un luogo fresco e leggermente ventilato. In questo periodo le annaffiature potranno essere completamente sospese o al massimo con un leggero apporto idrico una volta al mese.

Il terreno dovrà essere soffice e ben drenato, in modo da evitare ristagni idrici.

Ogni 2-3 settimane, in primavera e estate, aggiungere all´acqua dell´annaffiatura, del fertilizzante specifico per piante grasse.

Caratteristiche in breve
Famiglia:
Crassulaceae
Fiori:
Tubulari, dal grigio-rosa al rosa-porpora. Fiorisce raramente
Dimensioni:
Altezza massima 80-100 cm
Irrigazione:
Da scarsa ad assente secondo la stagione
Concimazione:
Ogni 2-3 settimane, nel periodo vegetativo, con fertilizzante con elevato contenuto di potassio e fosforo
Foglie:
Succulenti, carnose, allungate e dentate ai margini
Esposizione:
Mezz'ombra
Temperature:
Minima 10-12 °C
Terreno:
Soffice e ben drenato
Potatura:
Negli esemplari adulti, eliminare le vecchie foglie basali, prima che cadano
Curiosità:
Schede Correlate

Astrophytum myriostigma

 Descrizione Originaria degli altipiani messicani, anche oltre i 2.000 metri, la Astrophytum myriostigma appartiene alla famiglia delle Cactaceae; l´aspetto è più o meno globoso, con costolature ben marcate e areole […]

Crassula Buddhas Temple

 Descrizione Appartenente alla famiglia delle Crassulaceae, la Crassula “Buddha´s Temple”, è un ibrido tra la Crassula pyramidalis and Crassula perfoliata var. minor. Pianta dall´aspetto molto particolare, forma una rosetta colonnare, […]

Euphorbia ferox

 Descrizione Originaria del Sudafrica, la Euphorbia ferox è caratterizzata da uno sviluppo a carattere cespitoso, con fusti che presentano molte ramificazioni basali. Il portamento è colonnare, con costolature lineari e […]