Pilosocereus

 Descrizione

Genere di piante grasse appartenenti alla famiglia delle Cactaceae, molto diffuse nel Messico e nella parte nord del Sudamerica; zone caratterizzate da una stagione secca da novembre ad aprile e una stagione umida da maggio a ottobre.

Genere comprendente numerose specie, i Pilosocereus specialmente nel loro habitat naturale, raggiungono dimensioni notevoli, con grandi fusti colonnari, che in alcune specie presentano varie ramificazioni; i colori variano a seconda delle specie e possono essere grigi, verde glauco,verde-azzurri e anche bluastro.

Caratteristica comune, è una folta peluria che compare quando la pianta è adulta, il nome difatti deriva dal latino e significa “Cereus peloso”; da questa “peluria”, sbocciano in estate i fiori, imbutiformi, grandi, profumati e di svariati colori a seconda della specie.

Per la foto si ringrazia il vivaio Florservice di Verbania

Principali specie

Pilosocereus azureus (foto), a sviluppo colonnare, presenta fusti verde-azzurrognoli. Nel suo habitat naturale produce fiori bianchi, notturni che vengono impollinati da pipistrelli. Il colore bluastro tipico della pianta, viene accentuato con l´età  e con la prolungata esposizione ai raggi del sole.
Pilosocereus gounellei, a sviluppo arbustivo e ramificato può raggiungere i 4 metri di altezza. Il colore del fusto varia dal verde oliva al glauco. Produce fiori bianchi imbutiformi, lunghi 4-9 cm; ad essi seguono frutti globulari con diametro di 4,5-6 centimetri.
Pilosocereus menesianus, con portamento colonnare, presenta fusti grigio-verdastri, areole lanuginose e numerose spine, sia radiali sia centrali, bianco-giallastre.
Pilosocereus pachycladus, dal portamento eretto e colonnare presenta fusti di color verde-azzuro e spine color oro. Produce fiori bianchi con segmenti esterni rossastri e frutti rossi.
Pilosocereus palmeri, dallo sviluppo eretto e colonnare, presente spine bianche o gialle, e areole ricoperte di una folta peluria biancastra. Produce fiori rosa.
Pilosocereus robinii, con fusti cilindrici, verdi e succulenti, che allo stato selvatico, possono raggiungere i 10 metri di altezza. Produce grandi fiori bianchi, ai quali seguono frutti rosso-porpora.

Coltivazione

I Pilosocereus, gradiscono terreni ben drenati e con una buona componente di sabbia o altro materiale grossolano, atto a favorire un buon drenaggio; l´esposizione in pieno sole e temperature non inferiori ai 10°C, quindi nel caso che la pianta sia posta a dimora all´esterno, dovrà essere ricoverata in ambiente riparato durante la stagione fredda.

Le annaffiature dovranno essere effettuate durante il periodo vegetativo e solamente a terreno completamente asciutto; a fine primavera ed all´inizio dell´autunno assieme all´acqua della annaffiatura, andrà somministrato del concime specifico per piante grasse.

Caratteristiche in breve
Famiglia:
Cactaceae
Fiori:
Estivi, imbutiformi, grandi e profumati in piante adulte
Dimensioni:
Irrigazione:
Moderata
Concimazione:
Foglie:
Esposizione:
Pieno sole
Temperature:
Minima 10°C
Terreno:
Sciolto e ben drenato
Potatura:
Curiosità:
Schede Correlate

Rhipsalis

 Descrizione Vasto genere di piante grasse appartenenti alla famiglia delle Cactaceae, la si trova allo stato selvatico praticamente in tutte le zone tropicali del pianeta. Generalmente piante epifite allo stato […]

Neobuxbaumia

 Descrizione Genere di piante grasse originarie del Messico, appartengono alla famiglia delle Cactaceae e prendono il nome in onore del botanico austriaco Franz Buxbaum. L´aspetto è colonnare e a volte […]

Crassula rupestris

 Descrizione Appartenente alla famiglia delle Crassulaceae, la Crassula rupestris, ha un aspetto molto ramificato con fusti, che mentre in natura arrivano a misurare fino ad un metro in altezza; coltivata […]