Aristolochia – Aristolochia macrophylla (pipa olandese)

 Descrizione

Si tratta di rampicanti appartenenti ad un vastissimo genere che comprende circa 350 specie. Le specie coltivabili o meritevoli di attenzione per l’aspetto ornamentale sono comunque una minoranza, quasi tutte caratterizzate per i grandi fiori molto profumati (o puzzolenti…) che fungono da vere e proprie trappole per insetti impollinatori. Infatti le loro corolle sono estremamente “scivolose, tanto da far cadere l’ignaro insetto lungo il tubo fiorale. Il malcapitato verrà liberato solo quando la fecondazione sarà avvenuta. Una delle specie più diffusa è la Aristolochia macrophylla. E’ riconoscibile per i fiori bruni, rossi all’interno, dalla strana forma di pipa e si sviluppano all’ascella delle foglie. Le foglie sono grandi, lunghe anche 25-30 cm, di colore verde glauco. Il rampicante in questione è veloce nella crescita, facile da coltivare ma come tutte le Aristolochia non amano il freddo, quindi d’inverno andrebbero ricoverate in ambiente chiuso ma luminoso, dove la temperatura non scende sotto i 13-15 °C. Desiderano la mezz’ombra piuttosto del sole diretto.

 Coltivazione

Le Aristolochia si adattano bene a vari tipi di terreno ma l’ideale è un substrato leggero, ricco di humus e piuttosto fertile. Mal sopportano invece i ristagni di acqua, quindi evitare categoricamente l’acqua stagnante nel sottovaso che venga a contatto con il terreno. Però non devono mancare apporti regolari di acqua dalla primavera all’autunno lasciando però asciugare da una irrigazione all’altra. La pianta richiede un buon apporto di fertilizzante ma per evitare eccessi di azoto è meglio intervenire dalla primavera all’autunno (mensilmente) con un buon concime organico. Sul finire dell’inverno è meglio recidere la quasi totalità della parte aerea lasciando solo pochi rami lunghi un terzo della parte aerea. Ogni tanto durante la primavera e l’estate è bene cimare i rami per favorire un rapido accestimento e una regolare fioritura.

Caratteristiche in breve
Famiglia:
Aristolochiaceae
Fiori:
molto grandi, dalle colorazioni insolite
Dimensioni:
10-12 metri
Irrigazione:
regolare, soprattutto nel periodo estivo
Concimazione:
fertilizzante organico in primavera
Foglie:
molto grandi, fino a 30 cm di larghezza
Esposizione:
sole o mezz'ombra
Temperature:
non deve scendere sotto i 13-15 °C
Terreno:
fertile, ricco di sostanza organica
Potatura:
a fine inverno recidere la parte aerea lasciando solo pochi rami con 2-3 nodi
Curiosità:
Schede Correlate

Akebia – Akebia quinata

 Descrizione Rampicante semi sempreverde, estremamente veloce nel ricoprire muri e ringhiere (sale fino a 10-12 mt). I fiori sono molto decorativi e sbocciano a fine inverno; sono riuniti in infiorescenze […]

Cestrum-Cestrum nocturnum

 Descrizione Genere che comprende soprattutto piccoli arbusti sempreverdi, alcuni con portamento allungato da farli sembrare veri rampicanti. Per esempio il Cestrum nocturnum sviluppa rami lunghi 200-250 cm (max 400 cm) […]

Clematis

 Descrizione Uno dei generi di piante rampicanti più vasto e conosciuto, comprendente sia specie sempreverdi sia a foglia caduca, comunemente divise in tre grandi gruppi. Specie precoci: sono quelle che […]