Cestrum-Cestrum nocturnum (Gelsomino notturno)

 Descrizione

Genere che comprende soprattutto piccoli arbusti sempreverdi, alcuni con portamento allungato da farli sembrare veri rampicanti. Per esempio il Cestrum nocturnum sviluppa rami lunghi 200-250 cm (max 400 cm) e lievemente arcuati. Le foglie ovali sono piccole e verde brillante, lucide, appuntite. Nel periodo estivo i fiori sbocciano a l’apice dei rami, riuniti in infiorescenze formate da numerosi fiori tubolari bianchi, o giallo pallido, rosso, arancio a seconda della varietà. I fiori emanano un intenso profumo speziato (sgradevole per alcuni), soprattutto durante la notte; da qui il suo nome Gelsomino notturno. Sono originari del centro America, area messicana per lo più, ma ha trovato diffusione in molte altre aree tropicali risultando spesso come pianta infestante e temuta dagli allevatori per la sua tossicità. Sono tutto sommato piante rustiche che ben si adattano al clima mediterraneo, dove comunque d’inverno è meglio che la temperatura non scenda sotto i 0-5°C. Il gelsomino notturno ama le posizioni soleggiate o in mezz’ombra, ben riparate dal vento che ne frantumerebbe gli esili rami.

 Coltivazione

Il Cestrum nocturnum vuole terreno fertile, leggero, ricco di humus e ben drenato. Non sopporta i ristagni di acqua, quindi contrastare il più possibile eventuali ristagni con materiale drenante sotto la zolla, per esempio sassi o vecchi cocci. Ad ogni modo è bene non far mancare alla pianta apporti regolari di acqua nel periodo estivo, anche se può sopportare facilmente un periodo siccitoso. La pianta richiede un buon apporto di fertilizzante ma per evitare eccessi di azoto è meglio intervenire dalla primavera a l’autunno (mensilmente) con un buon concime organico, anche liquido. Nei nostri climi è meglio coltivare i gelsomini notturni in capienti contenitori al fine di poterli ricoverare durante l’inverno in ambienti protetti.

Caratteristiche in breve
Famiglia:
Solanaceae
Fiori:
infiorescenze formate da numerosi fiori tubolari in vari colori a seconda della varietà
Dimensioni:
rami lunghi 200-250 cm
Irrigazione:
evitare i ristagni di acqua
Concimazione:
fertilizzante organico in primavera
Foglie:
piccole e verde brillante, lucide
Esposizione:
sole o mezz'ombra
Temperature:
non deve scendere sotto i 0-5°C
Terreno:
fertile, ricco di sostanza organica
Potatura:
solo a fine inverno, tagliare la parte secca
Curiosità:
I fiori emanano un intenso profumo speziato
Schede Correlate

Lonicera

 Descrizione Queste Caprifoliaceae sono il genere di arbusti rampicanti, (già conosciuti come ottimi arbusti da fiore), tra i più vasti, ma anche tra i meno utilizzati. Un tempo ogni villa […]

Aristolochia – Aristolochia macrophylla

 Descrizione Si tratta di rampicanti appartenenti ad un vastissimo genere che comprende circa 350 specie. Le specie coltivabili o meritevoli di attenzione per l’aspetto ornamentale sono comunque una minoranza, quasi […]

Hydrangea petiolaris

 Descrizione L’ortensia rampicante è l’Hydrangea anomala subsp. petiolaris (detta anche semplicemente Hydrangea petiolaris). Si tratta di un rampicante di tutto rispetto che può salire fino a 8-10 mt di altezza […]