Spiraea (Spirea)

 Descrizione

Le spiree sono adattissime per formare siepi libere, ovvero non potate, mantenendo la forma naturale delle piante. Inoltre si impiegano efficacemente in compagnia di altri arbusti da fiore per siepi miste in perfetto stile country.

Le più utilizzate sono quelle a fioritura primaverile come Spiraea arguta o Spiraea x vanhouttei che disposte in lunghe siepi si esaltano dell’affascinante fioritura bianco pura. Anche Spiraea japonica ´Anthony Waterer´ e Spiraea japonica ´Goldflame´, non mancano di affascinare per la fioritura abbondante e calda, la prima, e per il fogliame completamente dorato, la seconda. Queste ultime sono l’ideale per formare siepi non troppo alte, che non superano i 120-130 cm.

Le spiree primaverili si potano al termine della fioritura mentre per quelle estive si attende l’inizio della primavera. Per ottenere siepi sufficientemente compatte si distanziano le piante a 50-70 cm l’una dall’altra.

Coltivazione

Sono tra gli arbusti più adattabili, capaci di vegetare sia in pieno sole sia nella mezz’ombra, in terreni fertili ma anche poveri. Ovviamente la crescita in condizioni limite sarà più lenta e con meno produzione di fiori ma, tutto sommato, capaci ancora di dare soddisfazioni. L’importante è evitare i ristagni di acqua.

Per mantenere una forma regolare e compatta delle spiree a fioritura estiva o tardo primaverile è meglio potarle drasticamente a fine inverno, anche fino a 10-15 cm da terra. Le spiree a fioritura primaverile precoce invece è bene potarle dopo la fioritura.

Fertilizzare in primavera con concime minerale completo a lenta cessione o organico, tipo letame in polvere. Irrigare con moderazione in primavera e più abbondantemente d’estate o nei periodi siccitosi.

Le spiree sono ottime per formare macchie vaste e compatte della stessa specie, oppure siepi miste con altri arbusti da fiore. Le varietà nane sono ottime anche per la coltivazione in vaso nonché per l’impiego in giardini rocciosi.

Foto Gallery

 

 

Spiraea japonica ´Anthony Waterer´

 

Caratteristiche in breve
Famiglia:
Rosaceae
Fiori:
Piccoli, bianchi o bianco crema e lievemente profumati riuniti in infiorescenze
Dimensioni:
Irrigazione:
In estate o durante periodi siccitosi
Concimazione:
Primavera e autunno con concime organico
Foglie:
Piccole, ovali o ellittiche, verde scuro o verde chiaro
Esposizione:
Sole
Temperature:
Fino a -20 °C
Terreno:
Fertile, di medio impasto, ben drenato
Potatura:
Da effettuarsi dopo la fioritura
Curiosità:
Schede Correlate

Thuja

 Descrizione Le migliori per formare siepi di Thuja fitte e compatte di tipo classico sono Thuja plicata e le sue varietà più conosciute come Thuja plicata ´Atrovirens´ (foto) e Thuja […]

Syringa

 Descrizione Le siepi di lillà erano un tempo tra le piante preferite per formare siepi folte e informali, ovvero non potate, mantenendo la forma naturale delle piante, anche in ambienti […]

Prunus laurocerasus

 Descrizione I Prunus più utilizzati e conosciuti, come piante da siepe, sono sicuramente quelli a fogliame persistente, ovvero tutte le varietà di Prunus laurocerasus. Purtroppo di questa pianta si è fatto […]