Oxalis (Acetosella)

 Descrizione

Da non confondersi con il trifoglio, queste erbacee hanno avuto alterni momenti di gloria e altri di oblio. Conosciute come acetoselle, sono delle tuberose, bulbose o rizomatose di piccole dimensioni, che quasi mai superano i 20-25 cm di altezza.
La foglia è divisa con lobi cuoriformi, tanto che alcune specie assomigliano moltissimo al trifoglio, verde o griglio blu.
I fiori sono l’aspetto più interessante: solitari ad imbuto o a coppa, larghi da 2 a 3 cm hanno colori variabili a seconda della specie e varietà, dal bianco puro al rosa scuro vivo, passando anche per il giallo, in alcune specie lievemente profumati. Sbocciano dalla primavera a metà estate.

 Principali specie e varietà

Oxalis acetosella, con foglie trifogliate dai lunghi piccioli e fiori bianchi da inizio primavera a maggio-giugno. Altezza 8-10 cm.
Oxalis adenophylla, con foglie grigiastre disposte a rosetta e fiori rosa da aprile a giugno. Altezza 10-15 cm.
Oxalis articulata, con foglie trifogliate verde pastello e fiori solitari rosa a partire dalla tarda primavera. In condizioni ideali può diventare molto invasiva. Altezza 10-15 cm.
Oxalis brasiliensis, con fiori a cinque petali di color rosa shoking.
Oxalis deppei, rinominata dai botanici come Oxalis tetraphylla, con foglie simili a quelle del quadrifoglio e con particolari striature orizzontali all´incirca a metà foglia. Produce fiori a cinque petali color porpora. Altezza 25-30 cm.
Oxalis enneaphylla, con foglie grigio-verdi e fiori imbutiformi bianchi, da metà primavera a metà estate.. Altezza 8-10 cm.
Oxalis enneaphylla ´Minutifolia´, simile alla specie tipo, ma con foglie molto piccole e fiori rosa carico.
Oxalis enneaphylla ´Rosea´, simile alla specie tipo ma con fiori rosa chiaro.
Oxalis enneaphylla ´Sheffield Swan´, con grandi fiori bianco puro, con gola dal verde al giallo limone.
Oxalis griffithii, con foglie basali ovate e dai margini seghettati e fiori bianco puro da marzo ad aprile. Altezza 7-15 cm.
Oxalis latifolia, erbacea perenne e stolonifera, presenta foglie trifogliate e fiori rosa a cinque petali. Può diventare infestante e molto difficile da eliminare, dato che nella sua espansione, lascia molti piccoli bulbi dietro di se.
Oxalis megalorrhiza, con lunghi steli sui quali nascono verdi foglie trifogliate e fiori singoli giallo limone. Altezza 15-20 cm.
Oxalis oregana, piccola tappezzante con foglie trifogliate verde scuro, maculate argento nella parte centrale, produce piccoli fiori bianchi che fioriscono per tutta la primavera e l´estate. Una leggenda narra che è il nascondiglio preferito degli gnomi da giardino.
Oxalis ´Sunset Velvet´, con foglie dal verde al giallo limone, che con l´arrivo dell´autunno assumono sfumature rosso-rosa e abbondanti fiori gialli a cinque petali.
Oxalis triangularis, con grandi foglie trilobate, triangolari, verde scuro con ampie zone centrali viola-porpora e fiori bianco-rosati che sbocciano su steli verde brillante. Altezza 10-20 cm.
Oxalis tuberosa, non molto interessante dal punto di vista ornamentale, questa specie ha foglie dal gusto aspro e piccante che possono essere unite ad insalate per dare un tocco di originalità. Altra parte commestibile è il tubero; già conosciuto dagli Incas ha un sapore simile alle patate novelle e può essere cucinato bollito, cotto al forno o fritto.
Oxalis versicolor, con fiori bianchi dalla gola giallo limone e stupende striature cremisi sui boccioli che una volta aperti, delineano il margine dei petali. Altezza 5-8 cm.

Coltivazione

Quasi tutte le Oxalis, amano il pieno sole e i terreni ricchi ma ben drenati. Alcune varietà di Oxalis acetosella, desiderano posizioni di mezz’ombra e terreno una moderata umidità. Sono piante molto indicate per formare gruppi anche folti, in aiuole basse o ancor meglio nei giardini rocciosi. Oxalis acetosella ha però una certa propensione a divenire invadente, quindi è meglio posizionarla nel sottobosco da rinaturalizzare o comunque in aiuole formate da alti arbusti che non temano la sua concorrenza.
Sono quasi tutte piante rustiche, senza evidenti pretese per quanto riguarda la concimazione e l’irrigazione, ma è buona norma provvedere almeno in primavera ad una fertilizzazione con concime organico a base di letame o compost.

 

 

Caratteristiche in breve
Famiglia:
Oxalidaceae
Fiori:
Solitari ad imbuto o a coppa, larghi da 2 a 3 cm
Dimensioni:
Irrigazione:
Irrigare periodicamente senza creare ristagni
Concimazione:
Primavera e autunno con concime organico
Foglie:
Divisa con lobi cuoriformi
Esposizione:
Sole o mezz´ombra
Temperature:
Fino a -20 °C
Terreno:
Fertile, di medio impasto, ben drenato
Potatura:
Non necessaria
Curiosità:
Una leggenda narra che la Oxalis oregana sia l´habitat preferito degli gnomi da giardino
Schede Correlate

Nepeta

 Descrizione Ampio genere di Lamiaceae, conosciute anche come “erba dei gatti”, anche se il suddetto nome è da riferirsi più propriamente alla Nepeta cataria. Esistono specie a portamento a cuscinetto e […]

Arnica

 Descrizione Erbacee tipiche dell’ambiente montano e conosciute per le qualità curative, hanno poca fama tra i giardinieri e alcune meriterebbero più attenzione. Come Arnica chamissonis, forse la specie più ornamentale, […]

Anaphalis

 Descrizione Genere di erbacee dal portamento eretto e cespitoso. Foglie lanceolate verdi argentate, dense sui fusti eretti e semplici. I fiori hanno un aspetto curioso, sono di consistenza cartacea, piccoli […]