Calathea

 Descrizione

Ampio genere di perenni erbacee sempreverdi appartenenti alla famiglia delle Marantaceae, originarie delle foreste tropicali dell’America centrale e del Sud, le Calathea sono coltivate essenzialmente per le magnifiche colorazioni e variegature fogliari.

Le foglie appunto sono grandi, oblunghe, coriacee e lievemente vellutate con un picciolo allungato e con macchie ovali lungo la nervatura principale. La continua ricerca di nuove varietà ha dato vita ad un gran numero di variegature fogliari, tutte molto decorative.

I fiori invece non sono così appariscenti e si mostrano raramente. La specie più conosciuta è Calathea makoyana, che in Brasile, paese d’origine, viene chiamata volgarmente “Pianta del pavone”. Raramente supera i 60-70 cm di altezza.

 Altre specie

Calathea insignis, con foglie lanceolate maculate verde scuro sulla pagina superiore e brunastre in quella inferiore.
Calathea roseopicta, con grandi foglie di color verde scuro e nervatura centrale rosa.
Calathea rufibarba, con grandi foglie lunghe e lanceolate, con margini ondulati.
Calathea zebrina, con foglie lunghe 30-40 cm, ellittiche, di color verde smeraldo con striature orizzontali, partenti dalla venatura centrale, di color verde-marrone.

 Coltivazione

Tutte le Calathea amano le temperature calde che non scendano d’inverno sotto i 8-10° C, ma  per vegetare bene occorrono almeno 18 °C. Essendo piante da sottobosco l’esposizione migliore è quella dove il sole è filtrato o comunque la mezz’ombra. Se lasciate in pieno sole deperiscono facilmente, accartocciandosi.

Tutte le specie durante la notte tendono a chiudere le foglie, allungandole verso l’alto. Il terreno migliore è fertile e formato da torba acida e strame fogliare, con una parte di sabbia, attenzione ai ristagni che provocano un rapido deperimento dei rizomi. Per evitare i ristagni  si consiglia di porre i vasi su uno strato di ghiaia o argilla espansa, evitando che il terreno arrivi a contatto permanente con l’acqua.

Irrigare comunque periodicamente soprattutto nel periodo estivo. Concimarle in autunno e primavera con fertilizzante organico o compost maturo evitando gli eccessi di azoto. Eventualmente apportando periodicamente un po’ di fertilizzante minerale con fosforo, potassio, ferro e microelementi.

Controllare almeno una volta all’anno la crescita radicale ed eventualmente provvedere ad un rinvaso aumentano la dimensione di un paio di misure (per es da 13 cm di diametro a 15 cm).

Le Calathea non necessitano di essere potate.

Caratteristiche in breve
Famiglia:
Marantaceae
Fiori:
Piccoli e insignificanti
Dimensioni:
Non superano i 60-70 cm
Irrigazione:
Irrigare periodicamente senza creare ristagni
Concimazione:
Primavera e autunno con concime organico, integrare nel periodo caldo con poco concime minerale
Foglie:
Grandi, oblunghe, coriacee e lievemente vellutate
Esposizione:
Ombra o mezz'ombra
Temperature:
Evitare il freddo eccessivo, d'inverno non scendere sotto i 10 °C
Terreno:
Fertile, di medio impasto, ben drenato
Potatura:
Non necessaria
Curiosità:
Schede Correlate

Ananas

 Descrizione È una bella perenne esotica appartenente alla famiglia delle Bromeliaceae che produce un abbondante cespo di lunghe foglie allungate (anche 70-80 cm), coriacee e sempreverdi, verde grigio, bluastre o […]

Dieffenbachia

 Descrizione Le Dieffenbachia, sono arbusti sempreverdi, appartenenti alla famiglia delle Araceae, coltivate soprattutto per la foglia decorativa, oblunghe e color crema, argentee o verde scuro, maculate di giallo, con venature […]

Orchidea

 Descrizione Le orchidee appartengono alla famiglia delle Orchidaceae. Comprende molti generi e un numero imprecisato di specie, sicuramente oltre le 35.000, ma la cifra potrebbe aumentare se teniamo conto che […]