Cyclamen (Ciclamino)

 Descrizione

Questa scheda è riferita ai cosiddetti ciclamini da interno, cioè tutte le varietà meno rustiche che possono vegetare solo se coltivate a temperature invernali superiori a 10-13 °C. I Cyclamen, sono erbacee perenni tra le più apprezzate per la forma graziosa dei fiori, spesso profumati e l’eleganza del fogliame. Da un tubero tondo e appiattito si sviluppa un gruppo di foglie rotonde con lineature o variegature argentee o in varie sfumature di verde, sorrette da piccioli allungati. I fiori sono tubulosi a cinque lobi, in vari colori a seconda della varietà, dal rosso al bianco puro passando per molte sfumature di rosso e rosa. I petali sono rivolti verso l’alto e conferiscono ai ciclamini un aspetto molto caratteristico. In alcune varietà sono increspati o doppi. I fiori sono singoli e portati anch’essi da lunghi piccioli che si sviluppano dal centro del fogliame. In genere la fioritura dei Cyclamen, inizia in autunno nelle varietà più precoci per protrarsi fino al termine dell’inverno. L’origine di queste piante è mediterranea, ma ormai sono presenti nei cataloghi di tutto il mondo. Raggiungono al massimo i 30-35 cm di altezza, ma sono più comuni le varietà medie e nane.

 

Coltivazione

La principale causa di deperimento dei ciclamini da appartamento è l’eccesso di calore provocato da termosifoni o stufe. La temperatura ideale non deve essere inferiore a 16-18 °C, con una umidità costante ed elevata dell’aria. A tal fine è bene nebulizzare periodicamente le piante evitando di farlo quando sono in piena fioritura. Un consiglio: ponete i vasi con i ciclamini sopra uno strato di argilla espansa o ghiaia, in sottovasi ampi dove avrete cura di evitare il contatto del terreno con l’acqua. Tra una irrigazione e l’altra attendete che il terreno asciughi bene. I Cyclamen amano i terreni fertili con strame fogliare (faggio) e un po’ di sabbia. Concimare in primavera e autunno con fertilizzante organico e periodicamente, ogni 20-30 giorni, con un complesso di macro e microelementi a basso contenuto di azoto. Controllare almeno una volta all’anno la crescita radicale ed eventualmente provvedere ad un rinvaso aumentano la dimensione di un paio di misure (per es da 13 cm di diametro a 15 cm). Per favorire la fioritura bisogna estrarre i tuberi in piena estate e dopo averli ripuliti si ripiantano in un nuovo substrato ricco di sostanza organica aumentando le innaffiature. Si consiglia di non interrare completamente la parte superiore dei tuberi.

 

 

Caratteristiche in breve
Famiglia:
Primulaceae
Fiori:
Tubulosi a cinque lobi, in vari colori a seconda della varietà
Dimensioni:
Non superano i 30-40 cm
Irrigazione:
Irrigare periodicamente senza creare ristagni
Concimazione:
Primavera e autunno con concime organico, integrare nel periodo caldo con poco concime minerale
Foglie:
Rotonde con lineature o variegature argentee
Esposizione:
Sole o mezz´ombra, al riparo dai freddi
Temperature:
Evitare il freddo eccessivo, d´inverno non scendere sotto i 10 °C
Terreno:
Fertile, di medio impasto, ben drenato
Potatura:
Non necessaria
Curiosità:
Schede Correlate

Asparagus

 Descrizione Erbacee perenni appartenenti alla famiglia delle Asparagaceae, coltivate per il fogliame decorativo. Le foglie sono in effetti dei fusti sottili ed arcuati, verdi, molto fitti e ramificati cha assomigliano […]

Begonia

 Descrizione Si tratta di uno dei più vasti generi di erbacee perenni adatte alla coltivazione in appartamento. Appartengono alla famiglia delle Begoniaceae e la loro origine è tropicale o comunque […]

Kalanchoe

 Descrizione Le Kalanchoe sono perenni sempreverdi con fogliame carnoso e un po’ frastagliato, l’ideale per poter godere di lunghe fioriture, abbastanza appariscenti se coltivate in gruppi numerosi. Infatti i fiori, […]