Hoya

 Descrizione

India, Borneo, Himalaya, Giava e Australia, questi sono i paesi di origine della maggior parte di queste magnifiche piante sempreverdi rampicanti o prostrate appartenenti alla famiglia delle Apocynaceae. Sono riconoscibili per il fogliame opposto, carnoso, coriaceo, ovale e spesso di aspetto lucido o ceroso. I fiori sono stellati e riuniti in infiorescenze ad ombrella ed anch’essi di aspetto lucido o ceroso, molto profumati.

Quasi tutte le varietà reperibili nei vivai e nei garden center sono originarie della specie Hoya carnosa (foto); pianta originaria dell’India o della Cina meridionale. Si tratta di piante perlopiù rampicanti, non troppo vigorose, con altezze comprese tra i 20-30 cm di Hoya lanceolata subsp bella, fino ai 5-6 metri di Hoya carnosa, se lasciata crescere liberamente e coltivata all’esterno come rampicante.

 Coltivazione

Seppure alcune varietà si adattano alla vita all’aperto, ma solo in clima mediterraneo, la maggior parte ha l’esigenza di temperature invernali che non scendano sotto i 10 °C, quindi in condizioni di intensa illuminazione, evitando però quella diretta del sole, soprattutto se poste accanto a finestre o vetrate rivolte a sud o sud-ovest. Un buon terreno di coltura è fertile e ben drenato, costituito da una buona quantità di terriccio pronto, circa 2/3, a cui si aggiunge un terzo di humus o compost o terriccio di foglie (faggio) e un po’ di sabbia. Bisogna prestare molta attenzione alle innaffiature che non devono essere eccessive, per non indurre facili marcescenze delle radici, ma regolari, soprattutto nel periodo estivo. D’inverno l’irrigazione si può diradare lasciando che il terreno asciughi tra una innaffiatura e l’altra. Evitare il più possibile l’acqua ristagnante nei sottovasi. Provvedere per tempo con opportuni tutori la loro stabilità e crescita (tubi muschiati per es.). Concimare in autunno e primavera con fertilizzante organico o compost evitando gli eccessi di azoto. Le potature si effettuano a fine inverno per eliminare la vegetazione o i rami danneggiati. Controllare almeno una volta all’anno (fine inverno) la crescita radicale ed eventualmente provvedere al loro rinvaso aumentando la dimensione del vaso di un paio di misure.

Caratteristiche in breve
Famiglia:
Apocynaceae
Fiori:
Dimensioni:
Dai 20-30 cm ai 5-6 metri secondo la specie e varietà
Irrigazione:
Leggere ma frequenti lasciando asciugare il terreno tra una innaffiatura e l’altra
Concimazione:
Fertilizzante organico o compost, evitando gli eccessi di azoto
Foglie:
Ovali, carnose e coriacee
Esposizione:
Sole, ma filtrato
Temperature:
Minima 10 °C
Terreno:
Terriccio pronto, humus e un po’ di sabbia
Potatura:
Curiosità:
Schede Correlate

Croton

 Descrizione Genere di piante sempreverdi apprezzate per la bellezza del fogliame, appartenenti alla famiglia delle Euphorbiaceae, originarie delle isole dell’Oceano Pacifico e dell’India meridionale. Sono facilmente riconoscibili per le foglie […]

Orchidea

 Descrizione Le orchidee appartengono alla famiglia delle Orchidaceae. Comprende molti generi e un numero imprecisato di specie, sicuramente oltre le 35.000, ma la cifra potrebbe aumentare se teniamo conto che […]

Anthurium

 Descrizione Questa spettacolare erbacea perenne esotica appartenente alla famiglia delle Araceae è una delle piante più utilizzate per la produzione di fiore reciso. Però bisogna distinguere quello che in effetti […]