Cucumis sativus (Cetriolo)

 Descrizione

Appartiene alla famiglia delle Cucurbitaceae il Cucumis sativus e tutte le varietà derivate. Il nome pare provenga del celtico “cucc” cioè vuoto e dal latino “sativus” cioè da seminare.

È una pianta erbacea annuale e rampicante, capace con i suoi cirri di aggrapparsi a strutture o altre piante e salire anche fino a 4 mt di altezza. Le foglie sono di forma quasi triangolare, alterne e palmate, dentate e dotate di peli duri. I fiori sono sessili, quindi i maschi (in numero superiore) si sviluppano in glomeruli ascellari e i femminili, gialli e grandi, sono sorretti da un peduncolo forte e corto.

I frutti possono essere sferici o più o meno allungati, verrucosi, verde gialli, con polpa bianca o verdastra, molto acquosa e contenente i semi ovali.

Oltre che per uso culinario i cetrioli s’impiegano per cure di bellezza (maschere) avendo proprietà emollienti, decongestionanti, rassodanti e schiarenti.

 Coltivazione

Solitamente si trapiantano le piante di cetriolo già pronte alla fine di maggio o all’inizio di giugno, in terreni molto fertili e soffici. Si consiglia una buon apporto di letame o compost maturi, o almeno del fertilizzante organico in polvere o scaglie.

Normalmente si fanno aggrappare le piante con i loro cirri ad un tripode di canne di bambù o su apposite reti per rampicanti. Irrigare di frequente, soprattutto nei periodi di gran caldo, altrimenti si ottiene un prodotto poco dolce.

I frutti si consumano freschi oppure raccogliendoli immaturi se da mettere sotto aceto.

Per quel che riguarda la rotazione nella coltivazione del cetriolo si sconsiglia di effettuarla con i fagioli o ortaggi della stessa famiglia (Cucurbitaceae).

La consociazione con altri ortaggi non è consigliata.

Caratteristiche in breve
Famiglia:
Cucurbitaceae
Fiori:
Sia maschili sia femminili
Dimensioni:
Può arrivare anche a 4 metri di altezza
Irrigazione:
Frequente per ottenere un frutto dolce
Concimazione:
Lavorando il terrreno con del letame maturo prima della messa a dimora delle piantine
Foglie:
Alterne e dentate
Esposizione:
Pieno sole
Temperature:
Predilige il caldo umido
Terreno:
Soffice e molto fertile
Potatura:
Curiosità:
Impiegato al naturale come maschera di bellezza
Schede Correlate

Allium sativum

 Descrizione L´aglio, appartiene alla famiglia delle Alliaceae, ma molti lo considerano facente parte di quella delle Liliaceae. Considerato da molti il Re della cucina, è in effetti un ingrediente irrinunciabile […]

Apium graveolens

 Descrizione Il sedano è una erbacea annuale appartenente alla famiglia delle Apiaceae. Si riconosce facilmente per i lunghi piccioli carnosi che portano le foglie ampie, pennate, di solito tre paia, […]

Foeniculum vulgare

 Descrizione Foeniculum vulgare è una pianta erbacea perenne appartenente alla famiglia delle Apiaceae, si riconosce facilmente per le foglie verdi bluastre, grandi, molte volte suddivise in lacinie filiformi. Le foglie […]